Basket, semifinale Coppa Italia: Montepaschi Siena-Angelico Biella 83-53

Il solito schiacciasassi di nome Montepaschi Siena non tradisce le attese. Nella seconda semifinale di Coppa Italia, la formazione vincitrice degli ultimi tre scudetti nonché detentrice del trofeo asfalta l’Angelico Biella con il punteggio finale di 83-53, al termine di una gara il cui andamento ha pienamente rispecchiato la trama di un film già visto infinite volte sui parquet nostrani.
Le speranze di tutti gli spettatori neutrali di poter assistere ad una contesa equilibrata sono infatti durate lo spazio di due quarti, il tempo necessario a Siena per illudere gli avversari e prendere le misure ad una Angelico dissoltasi come neve al sole nella ripresa, dopo i primi 20 minuti chiusi col Montepaschi avanti con un margine sotto la doppia cifra (36-27).

Se le primissime fasi del match non resteranno di certo impresse nella memoria collettiva – dopo 5′ il tabellone recita un surreale 2-2 – i successivi 15 minuti sembrano finalmente regalare uno spettacolo all’altezza dell’evento e della posta in palio: Biella, che trova nel proprio pivot Pasco un inatteso trascinatore e nei nazionali azzurri Aradori e Garri i principali punti di riferimento offensivi, riesce a contenere e rintuzzare le sfuriate senesi andando a riposo sul -9.
Al rientro dagli spogliatoi, la partita riprende e immediatamente si può considerare conclusa. Terrell McIntyre sembra ristabilito dopo i recenti problemi fisici e continua a prendere per mano i suoi compagni, e coach Pianigiani concede ampio spazio anche ai suoi comprimari – su tutti un eccellente Ress, miglior marcatore a quota 20 punti – mentre l’Angelico non trova più la via del canestro.

L’eloquente parziale di 25-8 messo a segno da Siena nel corso della terza frazione regala ai biancoverdi la certezza della finale e spegne definitivamente le velleità di una Biella ormai inerme, sprofondata fino a sfiorare i 40 punti di svantaggio. Con le seconde e terze linee in campo da ambo le parti, il countdown procede rapido e indolore fino all’83-53 finale.
Le varie statistiche non possono che confermare il dominio su tutti i fronti di un Montepaschi impietoso, a rimbalzo (42 carambole contro le 30 di Biella) come nelle percentuali, dove Garri – unico in doppia cifra in maglia rossoblu – e soci pagano il 13% al tiro da 3 punti. Mentre l’Angelico torna a casa presumibilmente contenta per aver superato un turno, Siena affronterà domani – in un remake della finale della Coppa Italia 2009 – la Virtus Bologna. Palla a due alle 18:15; con la speranza che almeno l’ultimo atto della competizione regali un pathos e un bagaglio di emozioni quantomeno sufficienti.

Montepaschi Siena-Angelico Biella 83-53

Siena: Domercant 9, McIntyre 17, Zisis 1, D’Ercole, Eze 9, Carraretto 5, Sato 13, Slokar 4, Ress 20, Hawkins, Marconato 2, Stonerook 3. All.: Pianigiani.

Biella: Soragna 4, Favario ne, Maggiotto ne, Ona Embo, Garri 12, Plisnic 7, Chessa 4, Smith 5, Aradori 9, Achara 3, Diaz 5, Pasco 4. All.: Bechi.

Parziali: 19-10, 36-27, 61-35, 83-53.

Tiri da 2: Siena 17/32, Biella 18/37. Tiri da 3: Siena 10/24, Biella 3/23. Tiri liberi: Siena 19/22, Biella 8/15. Valutazione: Siena 102 (Ress 20), Biella 44 (Garri 18).

Rimbalzi: Siena 42 (3 giocatori 5), Biella 30 (Garri e Chessa 5). Assist: Siena 9 (Zisis 4), Biella 5 (Smith 2). Palle perse: Siena 16 (McIntyre e Stonerook 4), Biella 15 (Aradori 4).

Daniele Ciprari