Calciomercato Milan: sarà rivoluzione?

La sconfitta (immeritata tra l’altro) in Champions League contro il Manchester Utd, sembra avere avuto importanti conseguenze,a  livello non solo calcistico ma anche societario. In questi giorni le voci si susseguono: si è anche parlato di Galliani alla Juventus! Un’assurdità, lasciatecelo dire…

Molte cose il prossimo anno potrebbero cambiare, a partire da Leonardo. Forse prevedere una rivoluzione è esagerato. Eppure Telelombardia la pensa così: “L’attacco di Berlusconi a Leonardo ha lasciato il segno in casa Milan. Il presidente ha criticato la squadra per la sconfitta contro il Manchester e adesso il futuro del tecnico brasiliano è più incerto che mai. Difficile in questo periodo entrare nella testa del numero 1 rossonero, dopo l’acquisto di Mancini ha attaccato Galliani, adesso ha utilizzato il plurale “se lo facessero” per criticare gli ultimi risultati ottenuti da Leonardo.

Un’uscita fuori tempo in un momento cruciale della stagione, ammettere che la rosa è quella che è e che con il budget a zero si stanno facendo i miracoli sarebbe stato probabilmente troppo onesto da parte sua. I rossoneri hanno bisogno di trovare continuità di risultati, di non perdere l’autostima, di fiducia e una frase del genere può fornire ai giocatori un alibi pericolosissimo.

Dare la colpa del passo falso contro i diavoli rossi all’allenatore e a chi lo ha voluto fortemente invece che ai giocatori, può essere deleterio per il futuro della stagione. E’ così ricominciata la girandola di nomi per la panchina del Milan. Allegri e Van Basten i soliti noti e c’è chi ipotizza un ritorno di fiamma per l’attuale commissario tecnico della nazionale Marcello Lippi. Berlusconi ha così messo in discussione non solo il ruolo di Leonardo ma anche quello di Adriano Galliani, in estate ci potrebbe essere una rivoluzione totale, con l’uscita di scena dell’attuale amministratore delegato e l’ingresso in società di Fabio Capello e Paolo Maldini.”