Home Spettacolo

“Amici” resoconto puntata (22-02-2010 ultima parte). Grazia deve lasciare la scuola di Amici

CONDIVIDI

 

Le emozioni sul palco di Amici si susseguono senza soluzione di continuità. A tenere alto il livello emotivo ci pensano ora le due cantanti simbolo di quest’edizione. Una delle ultime sfide della puntata è sugli inediti del nuovo cd dei ragazzi, Nove.

Sul palco si alternano Emma con la sua Meravigliosa e Loredana con il successo Ragazza Occhi Cielo. Le due ragazze, nonostante i battibecchi fisiologici, sono apprezzate unanimemente, specie la salentina:
Charlie Rapino: “Emma rules è stata bravissima. Non è più un’allieva, ormai vola da sola. I suoi problemi possono essere solo nel carattere…quando è nel mood giusto è imbattibile”;
Loretta Martinez: “Ci mette grinta, carattere il suo essere interpreta. Devo dire che mi piace molto”.

Mentre sulla siciliana c’è sempre un minima di critica da parte del suo ex maestro:
C. R.: “Loredana se la può giocare meglio con sto brano. Quando un artista ti sceglie come interprete devi essere in continua evoluzione con il pezzo”;
L. M.: “Innanzitutto i due inediti sono meravigliosi. Loredana ha un brano cucito addosso a lei. Non parlo tanto a livello di storia, quanto vocalmente. Questo le da una marcia in più”.
Nonostante gli sforzi, anche la seconda sfida viene vinta dalla squadra Blu.

I ragazzi nominano Emma: la cantante è terza ma la commissione pone il veto. Gli avversari, costretti a fare un nuovo nome scelgono Stefano, quarto.
I due compagni di squadra si sfidano sui cavalli di battaglia e solo uno di loro potrà continuare a sognare la finale. Mentre Grazia balla con difficoltà un passo a due moderno, Stefano è sublime con il suo pezzo forte.

La commissione prevedibilmente lo salva, decretando l’eliminazione della fidanzata di Pier Davide. Per Grazia è il tempo dei saluti. Un abbraccio al maestro che ha creduto in lei accompagnato da un sentito grazie e un “ti voglio bene” e poi le sue sensazioni a caldo: “Me lo aspettavo. Non mi aspettavo però di scontrarmi con un compagno di squadra. Mi mancheranno le persone che hanno lavorato con me, mi hanno sostenuta e mi hanno criticata. Le critiche mi hanno aiutata a migliorare”. E poi una parola per il suo fidanzato: “Mi mancherà Pier Davide. Ora gli auguro la vittoria”.