Home Sport

Calcio, Serie B – Finisce 1-1 il posticipo tra Crotone e Lecce

CONDIVIDI

Il Lecce non approfitta della battuta d’arresto del Sassuolo e guadagna solo un punto sugli Emiliani. Partita spigolosa e ben interpretata dai calabresi. Queste le formazioni:

CROTONE (4-2-3-1): Concetti; Galeoto, Legati, Abruzzese, Morleo; Beati, Galardo; Cutolo, Mazzarani,Mendicino; Ginestra. All. Lerda

LECCE (4-4-2): Rosati; Angelo, Fabiano, Terranova, Mazzotta; Munari, Giacomazzi, Vives, Mesbah; Marilungo, Corvia. All. De Canio

I salentini cominciano subito bene con un tiro dalla lunga distanza scagliato da Daniele Corvia ed al 21′ trovano il gol del vantaggio con il baby Marilungo. Fa tutto bene l’attaccante di proprietà della Sampdoria che è bravo a sradicare da terra la palla ad un difensore crotonese liberandosi poi di due avversari e trafiggendo il portiere calabrese con un millimetrico diagonale sul secondo palo. Lecce in vantaggio ed è festa per i circa 200 ultras giunti dal Salento.

Il Crotone reagisce e si riversa nella metà campo avversaria agendo d’impulso, la squadra pitagorica sembra voler pareggiare subito i conti e l’ex laziale Mendicino è veramente incontenibile per i difensori leccesi tanto che al 38′ è proprio lui l’autore del pareggio. Dalla trequarti arriva un cross che nessuno riesce a controllare il pallone sbatte sulla traversa della porta difesa da Concetti e sulla ribattuta l’attaccante di testa non può sbagliare. Tutto da rifare per il Lecce.

3′ più tardi è ancora Mendicino a sfiorare la rete del vantaggio, il giocatore approfitta di uno svarione difensivo di Angelo che rinvia direttamente sui suoi piedi dai quali successivamente parte un potente tiro che termina di poco a lato. Sul ribaltamento di fronte è il Lecce ad andare vicinissimo al 2-1, Abbruzzese nel tentativo di anticipare Marilungo spedisce il pallone sulla traversa della propria porta. Finisce così un bel primo tempo che ha visto le due squadre equivalersi.

La ripresa comincia con un grandissimo intervento di Concetti superbo nel respingere la girata del sempre presente Marilungo ben imbeccato da Vivas. Ci prova anche Corvia ma la partita sembra più bloccata rispetto alla prima frazione di gioco ed infatti da qui alla fine succede ben poco con il forcing del Lecce negli ultimi 20 minuti che però non sortisce gli effetti desiderati ma anzi sono i padroni di casa ad avere l’ultima occasione a tempo ampiamente scaduto con una mischia in area nella quale i giallorossi riescono fortunatamente ad avere la meglio.

Se il campionato finisse oggi il Lecce sarebbe promosso direttamente ed il Crotone sarebbe salvo. Questa la classifica:

Lecce 47; Sassuolo 45; Grosseto 43; Brescia 42; Cesena 41; Ancona 40; Frosinone 38; Empoli 37; Modena 36; Vicenza e Torino 35; Ascoli, Gallipoli e Cittadella 33; Albinoleffe e Crotone 32; Triestina 31; Piacenza 30; Reggina e Mantova 29; Padova 28; Salernitana 18.

Simone Meloni