Facebook diventa il sito dei record

Sembra non finire mai l’ascesa del social network più famoso del mondo. Ormai capace di divorare tutto grazie al giro d’utenti sempre in continua ascesa e il flusso di dati in perenne aumento.

Sembrano consapevoli di questo anche Yahoo! e Google. Gli ex re di internet si sono dovuti inchinare al social network e gli ultimi dati sembrano dimostrare quest’impressione.

La ‘Web Compete’, società preposta a misurare il numero di utenti in internet, ha testimoniato il sorpasso di Facebook nei confronti di Google.

A gennaio 2010 i numeri di Facebook sono schizzati con un numero enorme di visite. Infatti  avrebbe realizzato quasi 3 miliardi di visite (2.872.823.682) con un aumento mensile del 5,92% e un incremento rispetto all’anno prima del 141%.

Numeri che hanno scalzato dal trono Google che segue con 2.780.997.436. Aumento mensile del 3.51% e annuale del 26.33%.

Più utenti sul social network che nel principale sito di ricerche via internet. Adesso la domanda da porsi è: sta cambiando l’uso di internet? Infatti sembra chiaro il passaggio di internet da mezzo di conoscenza a mezzo di condivisione di esperienze, sentimenti e soprattutto per relazionarsi nella realtà virtuale.

Altro dato importante è quello che in America Facebook ha sorpassato Yahoo! per numero di visitatori unici diventando il secondo sito più popolare degli Stati Uniti.

Infatti si piazza dietro Google che guida con 147,8 milioni di visitatori unici, seguita da Facebook con 133,6 milioni di visitatori  e Yahoo  132 milioni.

Ma non sono solo questi i dati legati alla rete e allo strapotere di Facebook. Infatti un altro dato importante è quello legato al tempo trascorso su questi siti con 11% del tempo passato su Facebook contro il 4 sui popolari siti di ricerca via internet.

E sembra che queste grandi realtà si stanno attrezzando per confrontarsi con la sua ascesa. Pochi giorni fa Microsoft con il suo Bing e Yahoo! si sono associati per fronteggiare Google. La grande G ha fatto partire il progetto Buzz con il suo primordiale social network.

Attenzione anche a Twitter che lentamente cresce con i suoi 22 milioni di utenti.

Antonio Borzì