Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Lufthansa: sciopero di quattro giorni

Lufthansa: sciopero di quattro giorni

A causa dello sciopero di quattro giorni, dal 22 al 25 febbraio, dei piloti della compagnia aerea tedesca Lufthansa appartenenti al sindacato Vereinigung Cockpit, molti voli sono già stati cancellati e non solo nei principali aeroporti tedeschi.

Nonostante l’appello del ministro dei trasporti tedesco, Peter Ramsauer, che invitava l’azienda e il sindacato al dialogo, quasi 4.000 piloti non lavoreranno per ben quattro giorni, con notevoli disagi, soprattutto per i numerosissimi passeggeri.

Oltre il 65% dei 1800 voli quotidiani verranno cancellati e anche Germanwings e Lufthansa Cargo sono coinvolte nella manifestazione di sciopero, che segue il taglio di un miliardo di euro previsto dalla compagnia aerea.

Claudia Lange, portavoce di Lufthansa, ha reso noto che la compagnia aerea ha espresso la richiesta di ingiunzione temporale contro lo sciopero dei dipendenti, in quanto viene considerato spropositato. “Speriamo che venga presa una decisione sulla nostra richiesta entro le 24 ore”, ha commentato la Lange.

Secondo un’analisi fatta dalla stessa Lufthansa, lo sciopero potrebbe arrivare a costare alla compagnia ben 25 milioni di euro al giorno, moltissimi in un momento di grave difficoltà per colpa della crisi finanziaria globale. Lo scorso giovedì, Stefen Lauer – membro del comitato esecutivo di Lufthansa – ha definito questo sciopero come “l’arma più affilata immaginabile nel momento peggiore possibile”.

Vereinigung Cockpit teme che molti lavori possano essere dati a piloti di unità straniere che guadagnano molto meno, con conseguente perdita del posto di lavoro dei piloti tedeschi. Il sindacato richiede maggiore partecipazione dei piloti nelle decisioni aziendali.

Sebastiano Destri