Home Sport

Calcio, Roma – Contro il Panathinaikos forse senza Pizarro

CONDIVIDI

Dopo l’importantissima vittoria conquistata all’Olimpico contro il Catania di Mihajlovic la Roma è tornata a lavorare nel suo quartier generale di Trigoria. Defaticante per coloro i quali sono stati impiegati da Mister Ranieri nella partita di ieri.

I giallorossi puntano dritti alla gara di giovedì prossimo che li vedrà avversari dell’ostico Panathinaikos. La gara d’andata è ormai storia vecchia e per i capitolini la parola d’ordine è solo una: ribaltare il 3-2 con il quale i greci si sono imposti ad Atene. Un’impresa che potrebbe nascondere molte più insidie di quanto si possa pensare, infatti nonostante la squadra del Trifoglio non attraversi un periodo esaltante in campionato (è reduce da due sconfitte con Kovala e Paok Salonicco) riverserà certamente tutte le forze fisiche e morali nella gara di Roma, vero e proprio appuntamento con la storia per gli ateniesi.

Ranieri oltre a far certamente a meno di Toni, Totti e Julio Sergio sarà forse costretto a rinunciare anche a David Pizarro. Il cileno infatti, che ha accusato un dolore al polpaccio nel prepartita di domenica scorsa, ha effettuato oggi ulteriori accertamenti presso l’ospedale Gemelli di Roma e se ne saprà sicuramente di più nelle giornate di domani o dopodomani.

Una competizione, l’Europa League, alla quale Ranieri ha ribadito più volte di tenere molto. La Roma oltretutto in caso di passaggio incontrerebbe negli Ottavi una tra Standard Liège e Salisburgo (all’andata 3-2 in rimonta per i belgi) ed avrebbe quindi la strada facilitata verso i Quarti. Ma attenzione a sottovalutare questo Panathinaikos che giovedì potrà altresì contare (oltre che sull’incitamente di circa 4000 tifosi provenienti dalla capitale greca) anche sul rientro di una delle sue punte di diamante, Gilberto Silva. Giocatore che ha già affrontato la Roma all’Olimpico nella Coppa dei Campioni 2002-2003, in quell’occasione i Gunners s’imposero per 3-1.

In porta il tecnico di San Saba conferma la fiducia a Doni nonostante il portiere brasiliano non sia certamente ben visto dall’ambienete giallorosso negli ultimi tempi.

Simone Meloni