Home Televisione

Cinema: Nord

CONDIVIDI

Nord, commedia pluripremiata  ( Migliore regia al Tribeca, Premio Critica Internazionale a Berlino 2009) è un film norvegese che la Sacher di Nanni Moretti distribuirà a partire da venerdì 26 febbraio nelle sale italiane.

Protagonista è un ex campione di sci, Jomar ( interpretato da Andersen Baasmo Christiansen), un uomo che ha perso compagna e carriera per via di un grave esaurimento nervoso.
Un giorno, viene a scoprire dall’amico di sempre di avere un figlio. Così, preso dalla disperazione, incendia casa e parte per una missione impossibile.
Vuole ritrovare il figlio ed è disposto a percorre 890 km, solo con la sua motoslitta… un’ardua impresa, sia a livello fisico ma soprattuto emotivo.
Per Jonas ha cosi inizio un ironico e amaro viaggio dentro sè stesso, un viaggio dove puo’ far  conto solo sulle proprie forze ed energie ma confidando nella sorte e nel prossimo.
Splendida e disperata follia di un padre determinato a ritrovare il figlio ad ogni costo, un uomo che si getta fra le impervie montagne per andare incontro al suo destino.
Il tutto condito da una sapiente fotografia, suggestivi panorami artici di struggente e selvaggia bellezza, bizzarre situazioni carattterizzate dalla presenza di improbabili personaggi.
Questi gli ingredienti di un road movie sulla neve, o come l’ha definito lo stesso regista  l’esordiente Rune Denstad Langloun “road movie fuoripista”. Molto fuori pista visto che Langloun è stato costretto a girare con la sua troupe in condizioni precarie e sotto la morsa del freddo artico, infatti le riprese sono state effettuate ad appena 500 km a nord del circolo polare artico.
Il risultato è il ritratto delicato, emozionante e coinvolgente di un uomo alla ricerca di se stesso e del proprio affetto perduto.
Film caratterizzato da dialoghi scarni, privi di ironia, con quel tocco di amarezza e nostalgia che rende questa pellicola una massima rappresentazione della realtà.
Finale lasciato volutamente in sospeso come nei migliori “viaggi dell’anima”.. dove non è importante dove arrivi, ma ciò che ti accade durante il  percorso.