Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Iran: “L’Italia è sotto l’influenza di altri Paesi”

Iran: “L’Italia è sotto l’influenza di altri Paesi”

Durante la settimanale conferenza stampa a Theran, il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Ramin Mehman-Parast, ha affermato che “l’Italia è sotto l’influenza della propaganda di altri Paesi”. Iran risponde così alle dichiarazioni del ministro Franco Frattini che nel corso delle ultime settimane ha più volte chiesto l’adozione, da parte della comunità internazionale, di sanzioni più dure nei confronti del paese islamico.  

Nel corso di una conferenza dei ministri degli esteri dell’Unione-tenutasi lunedì a Bruxelles- Frattini aveva ribadito con forza la necessità di impedire che l’Iran continuasse “a prendere tempo“. Rispondendo a queste affermazioni, Mehman Parast ha sottolineato che le attività nucleari del suo Paese rispondono solo ai bisogni interni di combustibile. “I Paesi della Ue, come l’Italia o la Francia – ha detto – non hanno motivo di essere preoccupati. Ma sembra – ha aggiunto il portavoce – che la propaganda di alcuni Paesi abbia il suo effetto su certi Paesi dell’Unione Europea».

Nell’ultimo rapporto dell‘Aiea (agenzia Onu per l’energia atomica) sulle attività nucleari dell’Iran, si mostra “preoccupazione” per i fini militari a cui potrebbe essere destinato il processo di arrichimento dell’uranio al 20 per cento, appena iniziato da Theran. Ma Mehman-Parast si è apprestato a smentire tale rapporto, rivelando che le autorità iraniane hanno inviato una lettera a Yukiya Amano, direttore generale dell’agenzia, per chiedergli di «correggere gli errori» contenuti in tale rapporto. Il portavoce ha aggiunto inoltre- per dimostrare la disponibilità del suo Paese a collaborare con la comunità internazionale- che l’Iran è disposta a scambiare il proprio combustibile per ottenere dall’estero quello a base di uranio.  Uranio da utilizzare in un reattore per fini “esclusivamente” medici. Lo scambio, secondo il portavoce, dovrebbe avvenire sul suo iraniano e non in un paese terzo.

Annastella Palasciano