Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Pescara: il sindaco D’Alfonso inquisito con il braccio destro Dezio

0
CONDIVIDI

Pescara, 23 febbraio. Le richieste presentate durante l’udienza di questa mattina dal Pm Paolo Pompa sono di otto mesi per Guido Dezio e sei mesi per i tre componenti della commissione del concorso: l’ex segretario generale del comune di Pescara, Vincenzo Montillo, e gli avvocati Paola Di Marco e Carlo Montanino. L’inchesta in corsi di svolgimento è quella relativa all’assunzione a tempo indeterminato di Dezio a dirigente comunale.

Nella vicenda è coinvolto anche l’ex sindaco di Pescara, Luciano D’Alfonso, che, a differenza degli altri quattro imputati che hanno scelto di essere giudicati con la procedura del rito abbreviato, procederà nel chiarimento della sua posizione con il rito ordinario. Per lui il Giudice per le indagini preliminari deve ancora decidere sul rinvio a giudizio.

Secondo quanto supposto dall’accusa, Luciano D’Alfonso avrebbe procurato intenzionalmente a Guido Dezio,  ex collaboratore considerato in Comune il suo “braccio destro”, un ingiusto vantaggio patrimoniale “in violazione delle norme di legge che disciplinano l’accesso alla dirigenza presso il comune”, come si legge dagli atti del processo.

Dezio da parte sua è accusato di aver falsamente attestato di fronte alla Commissione comunale istituita per il concorso pubblico in cui gareggiava per l’assegnazione del posto, “di aver ricoperto incarichi equiparati a quelli dirigenziali e di ricoprire allo stato attuale un incarico dirigenziale presso pubbliche amministrazioni per un periodo di almeno cinque anni”. I tre componenti della commissione inquisiti insieme a loro devono invece rispondere di concorso in abuso d’ufficio con l’ex sindaco, a causa della violazione della normativa che disciplina l’accesso alla dirigenza presso le pubbliche amministrazioni.

Ci troviamo sempre più evidentemente in tempi in cui per avere un lavoro, è il caso di dirlo, molti fanno carte false.

Sandra Korshenrich