Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Roma ritarda il via ai body scanner, da ieri in funzione a...

Roma ritarda il via ai body scanner, da ieri in funzione a Parigi

E’ slittata di qualche giorno la data prevista per l’entrata in funzione dei body scanner di nuova generazione all’aeroporto romano di Fiumicino; l’operazione avrebbre dovuto prendere il via con l’inizio di questa settimana, ma per motivi tecnici il tutto è stato rimandato alla fine della stessa o al più tardi all’inizio della prossima.

Oltre alla difficoltà dell’installazione, l’utilizzo delle apparecchiature “a onde elettromagnetiche millimetriche”  necessita anche di un profondo addestramento degli addetti, data l’evoluta tecnologia di cui sono dotati. Inoltre, per rispettare la legge sulla privacy, gli operatori lavoreranno da una “sede distaccata”, non avranno quindi nessun contatto col passeggero, il quale verrà sì messo a nudo durante la scannerizzazione, ma non sarà possibile ad esempio vederne  il volto e l’immagine acquisita dal body scanner verrà immediatamente cancellata dopo il controllo. Tutto questo richiede una padronanza pressochè totale dell’apparecchiatura.

Per realizzare questo progetto è stata messa in campo una sinergia tra l’Enac, la societa che gestisce gli aeroporti di Roma e i funzionari della sicurezza; “A Milano e Roma vedremo se effettivamente questi macchinari sveltiscono le procedure di sicurezza” ha detto il Presidente Enac, precisando poi che, in caso positivo, la previsione è quella di poter disporre di 15 body scanner attivi entro l’estate, sui voli diretti negli U.S.A.

Subito dopo Roma infatti  sarà lo scalo di Malpensa  a fare da “cavia” alla nuova tecnologia, anti-terrorismo;  il maggior numero di voli verso gli Stati Uniti o altre destinazioni sensibili parte proprio da Fiumicino e dal’aeroporto varesino.

La Francia invece si è mossa più velocemente; all’aeroporto parigino Roissy-Charles de Gaulle due passeggeri diretti verso Miami sono stati i primi a sperimentare i body scanner che avranno il compito di individuare gli autori di possibili attentati terroristici. Il costo di ognuno di essi è di circa 200 mila euro. Patrick Gandill, direttore generale dell’aviazione civile francese ha spiegato che la nuova tecnologia attualmente è  ” in una fase di valutazione e sperimentazione. Con questo sistema, si possono vedere tutti gli oggetti che si trovano sotto i vestiti. Le onde si riflettono sulla superficie della pelle e non penetrano nel corpo“. L’ultimo concetto espresso da Gandill è importante perchè esclude ogni possibile danno alla salute umana; altra cosa sono quindi i raggi x, che assunti in quantità rilevanti, possono divenire pericolosi.

A.S.