Home Spettacolo Morgan e il plagio di Marco Mengoni, ecco il video dell’accusa

Morgan e il plagio di Marco Mengoni, ecco il video dell’accusa

Le cose si mettono male. Non è ancora chiaro per chi, ma la situazione è parecchio spiacevole. I casi sono due: o l’allievo ha superato l’insegnante e questi ne ha risentito, o l’allievo ha cercato di fregare l’insegnante. A vedere la dichiarazione di Morgan rilasciata sulla web tv di Simona Ventura, la seconda ipotesi sembra la più giusta. A sentire quanto dichiarato da Marco Mengoni in propria difesa, forse è più veritiera la prima ipotesi. Uscirne non è tanto facile. A ben vedere però, Morgan ha dalla sua parte delle prove a testimonianza del plagio di Mengoni, mostrate a Simona Ventura pochi giorni fa: il ritornello di “Credimi Ancora”, terza classificata al festival di Sanremo 2010, conterrebbe una frase assolutamente identica ad una canzone del signor Castoldi, meglio noto come Morgan.

Le parole incriminanti sarebbero: “Forse sì, forse no”, più volte ripetute nel corso del brano. Bah. Per quanto mi riguarda, non credo che queste due parole siano state coniate da Morgan, al punto da non poter essere ripetute in un altro brano. Sarebbe un po’ come fare l’inquisizione a tutti i brani che hanno le parole “Ti amo” e accusarli di plagio l’uno contro l’altro. Suvvia Morgan, quella frase non è proprio così esclusiva da costituire una prova tangibile del plagio. A me pare costituisca prova della tua ennesima trovata pubblicitaria e di un modo per inaugurare la web tv di Simona Ventura all’insegna dello scandalo.

Per quanto riguarda la melodia di sottofondo, forse lo stile è vagamente simile, ma di qui a ergersi autori della canzone di Mengoni ne passa di acqua sotto i ponti. Dal canto suo, Marco Mengoni con molta diplomazia ha affermato: “Son contento che a Morgan sia piaciuta talmente tanto la canzone da dire che l’abbia scritta lui”.

Voi che pensate? Siamo dinanzi ad un vero plagio? Personalmente risponderei: “Forse sì, forse no”. Ops, forse sarò accusata anche io ora.

Mariasole Bergamasco

Comments are closed.