Home Spettacolo

“Amici” resoconto puntata (25-02-2010 ultima parte). Nuovo vocabolario di danza moderna!

CONDIVIDI

 

Scopriamo le assegnazioni per le prove di ballo della prossima sfida che vedranno Stefano in versione Superman impegnato in tutte le coreografie. E tra Elena e Garofalo la polemica pare non cessare.

Tra i Bianchi l’ultimo ballerino superstite è Stefano che dovrà dunque cimentarsi in tutte le sei coreografie previste. Avrà contro Rodrigo in:
Passo a due Celentano: Suite per Violoncello;
Passo a due di Garrison: Quando quando;
Ballo di gruppo di Garrison: Nightingale.

E invece Elena nei balletti di Garofalo e Steve:

Passo a due di Steve: Be be your love;
Ballo di gruppo di Marco Garofalo:
I: Beyonce- Micheal Jackson mix;
II: Promise- Le Freak mix.

Il day time monotematico, ci mostra le difficoltà della ballerina in sala prove con Garofalo. Il maestro consiglia alla ragazza di immedesimarsi nelle star del pop per superare i propri limiti mentali. Ma Elena è sempre più perplessa e le prove finiscono con l’essere un continuo battibecco fra i due.
Di ritorno in casetta la ragazza è ancora nel video box per commentare la giornata di lavoro: “Con il maestro è andata come al solito. La coreografia è veloce. A meta c’è l’appoge e poi lo strusciage  con un onda che si ferma col visage. La tecnica garofaliana si sta espandendo nel mondo, ma in effetti strusciage è troppo snob quindi c’è una regressione. Si chiama struscio. Sta volta evitarlo è più difficile, ma lo eviterò”.

E dunque il vocabolario Garofaliano si arricchisce di nuovi termini. Dopo appoge e lo strusciage, Elena ci rende edotti dello sballottè e lo scappotage, che contiamo di vedere al più presto: “Sono allibita. È stato criticato il look, l’ anima ma anche il mio modo di camminare. Da un professionista abituato a lavorare con grandi professionisti mi son dovuta sentire dire durante le prove: qua qua. Alla fine l’ho imparata e lui è uscito e non è più tornato. Ha questi modi da orco mentre io sono così educata. Ho deciso che ascolterò e comprenderò cosa ha da dirmi ma cercherò di farla a modo mio”.

S. A.