Calcio, Europa League – Juventus-Ajax: 0-0, bianconeri agli ottavi

Finisce a reti bianche il ritorno dei sedicesimi di finale che vedeva di fronte questa sera Juventus e Ajax allo Stadio Olimpico di Torino. Grazie alla vittoria per 2-1 in casa degli olandesi nella partita d’andata, gli uomini di Zaccheroni passano dunque il turno e volano agli ottavi, dove dovranno vedersela col Fulham di Roy Hodgson. Le due sfide contro gli inglesi sono in programma l’11 e il 18 marzo prossimi.

L’inizio della partita vede partire meglio l’Ajax, che nel primo quarto d’ora mette sotto pressione la difesa bianconera soprattutto grazie all’intraprendenza di Verthongen, che spinge con forza sulla fascia sinistra mettendo spesso in difficoltà Marchisio, schierato come interno destro nel centrocampo a tre della Juve. Le buone iniziative degli olandesi non producevano comunque alcun effetto concreto, nonostante qualche svarione di troppo di Manninger.

Una volta prese le misure all’avversario, la Juve cresceva in maniera evidente e sfiorava il gol a più riprese nel primo tempo. Prima era Sissoko, su angolo di Del Piero da sinistra, a colpire il palo su gran colpo di testa. Poi, sempre su azioni da palla ferma, sfioravano il gol i due difensori centrali della squadra bianconera: prima Chiellini vedeva il suo stacco aereo respinto sulla linea da Enoh, poi Eriksen allontanava a pochi centimetri dalla linea bianca su incornata di Legrottaglie.

L’unica nota davvero negativa della prima frazione è l’infortunio di Amauri, che al 15° esce per infortunio: al suo posto entra un Trezeguet ancora spaesato dopo tanti giorni out per infortunio.

La ripresa si apriva come era iniziato il primo tempo, cioè con l’Ajax più manovriero in mezzo al campo e con la Juve costretta sulla difensiva. La fortuna dei bianconeri stava nell’evanescenza assoluta dell’attacco olandese, che non riusciva a creare una sola nitida palla gol. La difesa bianconera chiudeva bene tutti gli spazi, con Chiellini sempre in grande spolvero.

A venti minuti dalla fine si rivedeva in campo anche Camoranesi, assente dalla trasferta di Bari. Col suo ingresso in campo Zaccheroni ridisegnava la Juve con un classico 4-4-2, che addormentava ulteriormente la gara. Unico brivido nel finale, con un tiro da fuori del nuovo entrato Emanuelson che sfiorava il montante.

JUVENTUS-AJAX: 0-0

JUVENTUS (4-3-1-2): Manninger; Grygera, Legrottaglie, Chiellini, De Ceglie; Marchisio, Felipe Melo, Sissoko; Diego (dal 25’ s.t. Camoranesi); Amauri (dal 15’ p.t. Trezeguet), Del Piero (dal 41’ s.t. Candreva). (Pinsoglio, Cannavaro, Zebina, Paolucci). All. Zaccheroni.

AJAX (4-3-1-2): Stekelenburg; Van der Wiel, Alderweireld, Oleguer, Verthongen; Enoh (dal 32’ s.t. Rommedhal), De Zeew, Eriksen; De Jong; Pantelic (dal 29’ s.t. Emanuelson), Sulejmani (dal 19’ s.t. Suk). (Vermeer, Anita, Gabri, Lodeiro). All. Jol.

ARBITRO: Duhamel (Fra).

NOTE: spettatori 16.441 di cui 1537 ospiti, per un incasso di 332.215 euro. Ammoniti Felipe Melo per proteste, Enoh e Verthongen per gioco scorretto. Recupero: 1’ p.t., 3’ s.t.

Pier Francesco Caracciolo

Notizie Correlate

Commenta