Home Sport

Calcio, Europa League: La Roma saluta l’Europa, il Panathinaikos vince 3 a 2.

CONDIVIDI

Roma(4-2-3-1): Doni; Cassetti Mexes Juan Riise; De Rossi Brighi(46′ J.Baptista); Cerci(67′ Menez) Perrotta Taddei; Vucinic. A disposizione: Lobont, Burdisso, Tonetto, Motta, Faty. Allenatore: Ranieri

Panathinaikos(4-2-3-1): Tzorvas; Marinos Vintra Sarriegi Kantè; Katsouranis Simao; Salpingidis(86′ Leto) Ninis(71′ Gilberto Silva) Spiropoulos; Cissè(90+1 Christodoulpoulos). A disposizione: Galinovic, Bjarsmyr, Cleyton, Rukavina. Allenatore: Nioplias

Arbitro: Paixao

Marcatori: 11′ Riise, 67′ De Rossi(rom); 40′, 45+1 Cissè, 43′ Ninis(pan)

Ammoniti: De Rossi, Cassetti, Taddei(rom); Marinos, Katsouranis, Vintra, Cissè(pan)

Espulsi: Katsouranis(pan)

1 tempo- La Roma e il Panathinaikos scendono in campo con formazioni speculari: due 4-2-3-1 che lasciano molto spazio all’inventiva dei trequartisti di entrambe le squadre. A rompere il ghiaccio ci pensano i greci che al 4′ vanno vicini al vantaggio con Cissè che manda a lato il suo tentativo di destro. La Roma reagisce e ci prova prima all’8′ con Vucinic e, poco dopo all’11’ vanno in vantaggio: Cerci si procura una punizione al limite dell’area, sulla punto di battuta va Riise che con una delle sue bordate trafigge Tzorvas. 1 a 0.I padroni di casa, galvanizzati dal vantaggio, spingono sull’acceleratore e vanno vicino al raddoppio con Taddei che al 22′ manda di poco a lato sulla sinistra del portiere il suo destro. La partita è gradevole e i giallorossi sembrano avere il pallino del gioco. Al 38′ ancora Riise ci prova da calcio piazzato, ma il suo sinistro termina fuori di poco sulla destra di Tzorvas. Al 40′ ecco l’episodio che cambia la partita: De rossi atterra ingenuamente Ninis in area di rigore e l’arbitro fischia il penalty. Dal dischetto si presenta Cissè che non sbaglia e regala il pareggio ai greci. 1 a 1. Tre minuti più tardi accade l’impensabile: Ninis si libera bene di Brighi e al 43′ lascia partire un gran destro dal limite dell’area che si infila alle spalle di Doni. 1 a 2. Gli uomini di Ranieri accusano il colpo e nel recupero vanno ancora sotto: contropiede ochestrato ottimamente da Ninis che lancia in porta Cissè il quale salta di slancio Doni e a porta vuota manda in rete. 1 a 3.

2 tempo- Nella ripresa Ranieri rafforza subito il potenziale offensivo della sua squadra mandando in campo Baptista al posto dello spento Brighi. La Roma, come previsto, si butta subito in avanti e va vicina al raddoppio con Cerci che al 49′ spara il suo sinistro da dentro l’area di rigore ma Tsorvas compie una gran parata e blocca la sfera. Sempre l’ex giocatore del Pisa 2 minuti più tardi ci riprova ma l’estremo difensore greco dice ancora di no. Il Panathinaikos si vede poco e pensa più che altro a difendere il risultato del primo tempo. Al 67′ la partita si riaccende: Riise lascia partire un tiro a pelo d’erba che Tsorvas non trattiene, si avventa sulla palla De Rossi che con un preciso diagonale accorcia le distanze. 2 a 3. Gli ospiti tentano la reazione e al 69′ colpiscono un palo clamoroso su azione d’angolo con Katsouranis e per fortuna della Roma la palla sulla respinta arriva tra le braccia di Doni. I padroni di casa cercano in tutti i modi di pareggiare la partita e attaccano in gruppo. Al 75′ ci prova Baptista, ma ik suo colpo di testa su cross di Cassetti termina di poco a lato sulla sinistra. Cinque minuti più tardi il capitano mai domo Daniele De Rossi va vicinissimo al pareggio, ma il suo tiro dal centro dell’area viene respinto da Sarriegi. L’ultima emozione la regala l’arbitro che espelle Katzouranis per un brutto fallo su Cassetti.

La Roma saluta l’Europa in una gara che poteva tranquillamente gestire, ma quei 6 minuti finali del primo tempo sono costati molto cari alla squadra di Ranieri.

Antonio Pellegrino

 

Comments are closed.