Home Sport Calcio: Luciano Moggi contro Josè Mourinho

Calcio: Luciano Moggi contro Josè Mourinho

Luciano Moggi, come sempre, ha le idee chiare e dice le cose che pensa, senza peli sulla lingua. L’ex direttore generale bianconero vuole dire la sua sulle manette di Josè Mourinho: “Con me dirigente sarebbe stato al suo posto, senza fare sceneggiate e stupidaggini che fanno danno solamente a lui”, ha detto a Radio Kiss Kiss Napoli. “A me personalmente Mourinho sta simpatico, ma quando si esagera, si diventa poi antipatici a tutti”. L’ex dirigente bianconero, squalificato per cinque anni con proposta di radiazione a seguito dello scandalo di Calciopoli, vuole tornare anche sull’argomento arbitri: “Le società di calcio che vanno per la maggiore hanno sempre un vantaggio, nel senso che le decisioni arbitrali vanno sempre in una direzione: si chiama sudditanza psicologica. Ora piangono tutti. Anche De Laurentiis quando gli fa comodo si lamenta”. A riprova delle tesi dell’ex dirigente, potrebbero essere analizzati proprio gli ultimi episodi in favore dei bianconeri, come il rigore concesso nella gara contro il Genoa. “E allora quello non dato alla Fiorentina o all’Udinese contro il Cagliari?”, puntualizza. “Anche quelli sono stati uno scandalo”. Parlando del campionato e della lotta per i posti in Champions League, Luciano Moggi non ha esitazioni: “La Juventus è più forte del Napoli, senza dubbio. Gli azzurri possono competere solo per l’Europa League. Prima che cominciasse il campionato ho sempre detto che l’Inter avrebbe vinto lo scudetto e che il Milan sarebbe stato l’alter ego della squadra nerazzurra, con Roma e Juve a completare il quadro. All’appello manca solo la Fiorentina, ma finora ho avuto ragione”.

Andrea Bonino