Home Spettacolo Gossip

Isola dei Famosi 7, parla Roberto Fiacchini: “Sono figlio adottivo di Renato Zero e ne vado fiero”

CONDIVIDI

Al via ieri sera la grande avventura del reality show extreme, “L’ Isola dei Famosi 7” condotto dall’ eclettica Simona Ventura. Tutti i naufraghi che dovranno superare difficoltà di ogni genere e bypassare con charme gli stenti della fame, sia famosi che non sono sbarcati sull’ incantevole Cayos Perlas, bagnata dall’ Oceano Atlantico in Nicaragua e vi soggiorneranno per molte settimane.

Per quanto concerne indiscrezioni relative al cast, la conduttrice torinese aveva a suo tempo già svelato che la lista dei concorrenti non è chiusa, ermetica e definitiva ma soggetta a modifiche ed intrusioni in itinere.

“Dalla terza puntata arrivano quattro figli di” – ha dichiarato la bella Simona, scatenando la curiosità dei giornalisti e del popolo fedele al longevo programma. Due di questi rispondono al nome di Daniele Battaglia, figlio di Dodi, componente di Pooh, nonchè amico del cuore dell’ altro figlio d’ arte, Francesco Facchinetti, già inviato di Simona sull’ Isola e Roberto Fiacchini figlio di Renato Zero.

Quest’ ultimo, che sta preparando gli ultimi dettagli prima di prendere l’ aereo che lo porterà alla volta del paese del centro America, ammette di essere stato adottato dal cantante romano solo nel 2003, dunque molto tardi considerando che sono trascorsi ben 12 anni da quando i due si sono incontrati e cambiati vicendevolmente la vita. Roberto ha 36 anni ed è a capo di un’ etichetta discografica da lui diretta:

“Non amo piangermi addosso, ma ho avuto una vita difficile. Sono entrato in orfanotrofio a 6 anni. Fino a quando ne ho avuti 12, nei weekend tornavo a casa da mia madre. Poi lei è morta. Mio papà non l’ ho mai conosciuto. Ero il classico predestinato a non fare nulla di buono” – ha dichiarato durante un’ intervista. Renato ha deciso di adottarlo a tutti gli effetti dopo 12 anni,  fatti ad ogni modo di amore smisurato, protezione, solida amicizia e condivisione nei momenti più difficili, ma l’ aspetto che lascia sorpresi è che Roberto non ne ha fatto un problema ed ha sempre considerato Renato come il suo papà dal cuore grande.

Parla inoltre del resto della sua famiglia, con la quale ha perso i contatti molto presto, rimanendo da solo fino al fatidico incontro, del tutto casuale con il cantautore romano che ha cambiato la vita ad entrambi: “In istituto c’erano anche i miei fratelli, entrambi più grandi di me, Romolo di 7 anni, Massimo di 5. Non siamo mai riusciti a stare insieme per la differenza di età: io iniziavo le elementari in un posto e loro venivano mandati in un altro dove c’erano le medie e le superiori. Mentre mia sorella era stata adottata”.

Gionata Cerchiara