Home Televisione Tv: Insegnami a sognare

Tv: Insegnami a sognare

Un programma senza numero in sovraimpressione, televoto, urla e polemiche. Il pubblico deve stare semplicemente seduto in poltrona o in sala, godersi lo spettacolo e… sognare. Cosi ha dichiarato Pino Insegno in merito al nuovo programma “Insegnami a sognare“, gioco di parole tra nome del conduttore e del programma per questa puntata speciale in onda stasera in prima serata sulla rete ammiraglia di mamma Rai.
Una sola puntata che è il frutto di sei mesi di preparazione lavorativa. Particolare rilievo e bellezza ricoprono gli effetti speciali in questo nuovo programma.
Infatti è una sorta di macchina del tempo del tubo catodico. Rivedremo e gusteremo la Carrà del “Tuca Tuca”, Gino Bramieri, Aldo Fabrizi, Vittorio Gassman e tante altre figure storiche dello spettacolo italiano.
Si parla al passato strizzando l’occhio al presente, confrontando la tv di ieri e oggi.

Grazie agli effetti speciali potremo assistere a duetti strepitosi… come Renato Rascel e Giancarlo Magalli o Baglioni che incontrerà il Quartetto Cetra.
Ma per Insegno gli impegni non si fermano di certo qui: sarà al timone della conduzione di Ciak… si canta! al fianco delal bellissima ex Miss Italia Miriam Leone.
Un momento d’oro per Insegno, che dopo tanti anni torna in Rai con un sorriso a quarantadue denti. Attivissimo anche sul versante cinematografico:  da domani sarà nelle sale con la commedia Alta Infedeltà per la regia di Claudio Insegno, nel tentativo di promuovere una comicità più sottile e fine rispetto ai vari cinepanettoni e commedie di scarso valore a cui il pubblico del grande schermo è ormai soggetto da troppo tempo.
A fine aprile esordirà nel suo primo ruolo drammatico per il grande schermo; interpreterà un capocarceriere crudele, sadico e violento nel film Dalla vita in poi… e non dimentichiamoci che è in cantiere il ritorno del quartetto comico più esilarente della tv: la Premiata Ditta sta infatti preparando nuovi strabilianti scketchs per la gioia dei suoi molti fans.

Comments are closed.