Home Spettacolo ‘Crazy Heart’ candida Jeff Bridges agli Oscar

‘Crazy Heart’ candida Jeff Bridges agli Oscar

Dopo essere stato, con ben quattro candidature, sul punto di stringere la statuetta degli Oscar, stavolta forse Jeff Bridges ha imboccato la strada buona. Per essersi aggiudicato un Golden Globe come migliore attore protagonista in ruolo drammatico nel film ‘Crazy Heart’, Bridges ha ottenuto infatti la candidatura agli Oscar del 2010 come migliore attore. La pellicola del regista Scott Cooper è basata sull’omonimo romanzo di Thomas Cobb e verrà presentata in anteprima da La Repubblica, Fox e Radio Bruno lunedì 1° marzo al Nosadella, alle ore 21.

Nel film Jeff Bridges interpreta Bad Blake, un cantante country con il vizio dell’alcool ormai allo sfacelo più totale, con troppi matrimoni alle spalle e troppi anni trascorsi sulla strada. Blake tira a campare trascinandosi qua e là con i suoi vecchi successi, passando per locali scadenti di pessimo ordine o attraverso penose sale da bowling, esibendosi davanti a platee sempre più vecchie con la propria fama che lentamente scivola nell’oblio del dimenticatoio. Al vecchio cantante country imbevuto d’alcool la cosa più importante che rimane da fare è aprire un importante concerto di Tommy Sweet, un suo giovane “discepolo” a cui ha insegnato tutti i trucchi del mestiere il quale però, a differenza sua, è riuscito a farli fruttare raggiungendo così il successo. Bad proverà tuttavia a cercare la salvezza e lo farà rivolgendosi a Jean, una giornalista interpretata da Maggie Gyllenhaal che riuscirà a scorgere il vero uomo dietro alla figura appassita del musicista. Il protagonista si troverà quindi a lottare verso la strada della redenzione, scontrandosi non poco duramente con la crudele realtà ed un’esistenza difficile dove tutto può essere deciso da un battito folle.

Questo Bad Blake rappresenta quindi il ritratto di un uomo che ha vissuto una vita di eccessi, in maniera brutale e soprattutto troppo velocemente, perdendo troppo spesso il controllo, ma che nonostante tutto ciò trova comunque la forza di cercare nell’amore una speranza di salvezza e una possibilità per redimersi.

Andrea Camillo