Home Sport

Calcio, Preziosi assolto da accusa di frode: “Ho vinto, ma sono amareggiato. L’Europa? Il Genoa può farcela”

CONDIVIDI

E’ un Enrico Preziosi a tuttocampo quello che parla oggi, dopo la sentenza che ha annullato la precedente condanna per i fatti di Genoa-Venezia, della stagione 2004-2005. Il massimo dirigente rossoblù, era stato accusato di frode sportiva ed a distanza di quasi cinque anni ha ottenuto la sua rivincita, essendosi sempre dichiarato innocente.

Una vittoria che però non lo fa sorridere fino in fondo: “Non riesco ancora a gioire. Sono serenamente amareggiato e serenamente incazzato, ma non ho rivalse. Il fango ricevuto all’epoca rimane, i fatti però ora mi danno ragione e almeno il tempo è galantuomo”.

Gioisce invece per il suo Genoa, tornato ad esprimere un buon calcio dopo un periodo di crisi che sembrava aver allontanato il “Grifone” dalle zone utili per l’Europa. Gasperini & co però non mollano mai e sono tornati in piena corsa per l’accesso all’Europa League: “Oggi non abbiamo ansie – spiega il numero uno genoano -. Abbiamo il diritto/dovere di credere che con i rusltati positivi si può arrivare lontano”.

Il presidente, conferma come la società stia pensando di fissare un premio per l’eventuale raggiungimento del prestigioso obiettivo, segno della grande fiducia riposta nell’organico: “Non avevamo fissato nessun premio, ma oggi lo faremo perchè sappiamo di poterci povare, la squadra mi è sembrata possibilista e consapevole”.

Oggi Preziosi ha avuto anche un incontro con l’allenatore Gasperini, per tastare il polso della squadra nell’immediata vigila di una gara importante come quella di domenica al “Ferraris” contro il Bologna ed in più per parlare un po’ del futuro: “Ho pranzato con Gasperini e abbiamo parlato del futuro – aggiunge – Marzo è un mese fondamentale per programmare ed è importante riuscire a farlo. I nostri giocatori giovani piacciono? Noi non siamo un supermercato dove tutti possono attingere. Discuteremo di tutto con tutti”.

Particolare attenzione ai casi di Criscito e Palladino, ancora in orbita Juventus: “Con la Juve ne riparleremo a fine aprile -ha concluso Preziosi –  Credo comunque che quest’anno il mercato sarà condizionato dai problemi economici, ci saranno pochi soldi da spendere, magari questo potrebbe avvantaggiarci”.

Francesco Mancuso