Oscar: Cameron e la sua ex, 9 nomination per uno

 I due registi, James Cameron e Kathryn Bigelow, sono stati sposati in passato anche se poi si sono lasciati. Ora si affrontano, ma senza legali: il kodak sarà teatro di “guerra”. Dopo aver duellato per tutta la stagione con i premi per il miglior regista e per il miglior film, con risultati alterni, si arriva agli Oscar con il dente avvelenato. Tutto è pronto per lo scontro finale, anche se a parlare di guadagno c’è poco da sfidare: Avatar ha battuto tutti i primati di incasso, superando i due miliardi di dollari, il thriller sui disinnescatori Usa di ordigni in Iraq ha incassato appena 13 milioni di dollari.
A presto però la cerimonia che lascia i cinefili e non con il fiato sospeso.

Dopo l’ eliminazione fin dalla pre-selezione del film di Giuseppe Tornatore ‘Baaria’ le speranze degli italiani sono affidate al direttore della fotografia Mauro Fiore (Avatar), allo sceneggiatore Alessandro Camon (The Messenger), ai truccatori Aldo Signoretti e Vittorio Sodano (Il Divo).

La decisione della Academy di estendere a dieci pellicole la rosa dei candidati al miglior film ha ampliato notevolmente la varietà degli aspiranti alla statuetta con la inclusione non solo di film favoriti: Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino (otto candidature)  Tra le nuvole (Up in the Air) con George Clooney (sei candidature) ma anche con l’inserimento del film di fantascienza District 9 e del cartone animato Up (seconda volta nella storia degli Oscar dopo ‘La Bella e la Bestia’) nonché alcuni dei film favoriti dei critici come ‘The Blind Side’, ‘An Education’, ‘A Serious Man’ e ‘Precious’.

Tra gli attori in campo maschile il super favorito Jeff Bridges (Crazy Heart) dovrà vedersela con altri due colleghi che come lui sono alla quinta candidatura: George Clooney (Up in the Air) e Morgan Freeman (Jeremy Renner). Il campo è completato da Colin Firth (A Single Man) e Jeremy Renner (The Hurt Locker).
L’oscar per la miglior attrice vede in lizza veterane come Meryl Streep (giunta alla sedicesima candidatura, un record) e attrici come Sandra Bullock (The Blind Side) che è invece alla sua prima nomination. Sono le due favorite. Il quadro è completato da Helen Mirren (The Last Station), Carey Mulligan (An Education) e Gabourey Sidibe (Precious).
Il premio per il miglior regista ripropone lo scontro in famiglia tra la Bigelow (quarta donna a vincere la candidatura dopo Lina Wertmuller, Jane Campion e Sofia Coppola) e Cameron, e Quentin Tarantino, l’afro-americano Lee Daniels, Jason Reitman.

 Nella assegnazione degli Oscar per gli attori non protagonisti in campo maschile il grande favorito è Christoph Waltz (il loquace nazista di ‘Inglorious Basterds’) che dovrà vedersela con Matt Damon, Woody Harrelson, Christopher Plummer e Stanley Tucci.
In campo femminile hanno sorpreso le scelte di Penelope Cruz (per Nine) e Maggie Gyllenhaal (Crazy Heart) ma la favorita appare essere Vera Farmiga (Tra le nuvole). Il campo è completato da Anna Kendrick e MòNique.

La cerimonia degli Oscar è in programma il sette marzo a Los Angeles. I maestri delle cerimonie saranno gli attori Steve Martin e Alec Baldwin. L’ultimo grande successo di audience della diretta TV risale a dodici anni fa quando l’acclamato Titanic di Cameron aveva trionfato vincendo undici statuette. Ora si cerca di fermare il costante declino  dei telespettatori della diretta TV, aumentare l’interesse del pubblico e la presenza di stelle: sembrerà una buona strategia se almeno si riuscirà a riesumare  un poco l’ entusiasmo del 1998,  riportando un po’ di magia alla notte più lunga di Hollywood.

MIGLIOR FILM nomination:Avatar-The Blind Side-District 9-An education-The Hurt Locker-Bastardi senzagloria-Precious-A serious man-Up-Tra le nuvole

Ilaria Salzano