Terrorismo del PKK nel Veneto: 11 arresti

Le forze dell’ordine, in particolare la Digos, stanno in queste ore eseguendo 11 ordinanze di arresto, nell’ambito di un’indagine che ha portato alla luce le operazioni di un’organizzazione terroristica  con sede  nel nostrano Veneto. I fermi, alcuni già eseguiti in diverse parti d’Italia,in specifico riguardano 10 cittadini di nazionalità turca, ma coinvolgono anche un italiano.

Gli 11 soggetti sono accusati di terrorismo internazionale; sembra infatti che avessero messo in piedi una struttura a rete, che attraversando mezza Europa,  reclutava ragazzi di etnia turca da arruolare nel PKK il temibile partito dei lavoratori curdi, incluso appunto nelle organizzazioni terroristiche dall’Unione Europea.

E’ stata principalmente la Digos di Venezia a svolgere le indagini , in collaborazione con le altre sedi di Pisa, Roma e Milano e il coordinamento operativo dell’Ucigos/Dcpp. L’operazione non è stata semplice; la stessa era infatti iniziata nel 2008, e solo dopo circa due anni si è riusciti a smantellare la cellula terroristico-militare che aveva abusivamente  “preso casa”  nella regione del Nord-Italia.

Veri e propri campi di addestramento sono stati scoperti, quattro solo in Italia, con tanto di armi e bersagli, in cui si esercitavano anche diverse donne, reclutate alla stessa stregua dei maschi. Nella questione sono coinvolte anche altre nazioni europee, a loro insaputa ovviamente, in cui sono stati reperiti altri campi di addestramento. Le persone, una volta “assunte”, venivano destinate non solamente ai siti terroristici del Veneto. E’ pensabile che la rete istituita dai terroristi sia quindi più vasta di ciò che è stato scoperto fino ad ora

Il Partîya Karkerén Kurdîstan, è, letteralmente il partito dei lavori dek Kurdistan;  di stampo marxista, si propone di istituire uno stato sovrano in cui risieda la minoranza curda. Nel Dicembre 2009, il pkk ha rivendicato un attentato che è costato la vita a ben 8000 turchi,avvenuto nella regione orientale di Resadiye. Il leader e fondatore del partito è Abdullah Ocalan, tornato alla ribalta delle cronache qualche anno fa, e detenuto in un carcere di masssima sicurezza dal 1999.

A.S.

Notizie Correlate

Commenta