Home Televisione

Tv: Due imbroglioni e mezzo

CONDIVIDI

Da domani su canale 5 alle 21: 15 torna la coppia di imbroglioni più simpatica d’Italia. In Due imbroglioni e mezzo Sabrina Ferilli e Claudio Bisio vestiranno ancora una volta le vesti strampalati dei ladri dal cuore d’oro, tanto amati da grandi e piccini.

Bidonisti di professione, i  Bonnye e Clyde all’amatriciana sono protagonisti di quattro rocambolesche puntate dirette da Franco Amurri.
L’esperimento televisivo della prima serie del tv movie è datato 2007 e ha regalato ottimi risultati: ascolti da quasi 7 milioni di spettatori che hanno sfiorato uno share del 27% . Dati che hanno convinto i produttori a ritentare il bis.
Due imbroglioni e mezzo punta tutto sull’ironia dei due protagonisti.. due divertenti e improbabili ladri di “polli” , due cialtroni comici e in fondo.. sfigatissimi.
Mettono in piedi improbabili colpi dall’esito perennemente disastroso, grazie alla presenza del piccolo Nino ( interpretato da Gianluca Grecchi) che puntualmente manda all’aria le loro truffe, mandandoli su tutte le furie ma strappandogli al tempo stesso sorrisi e facendoli passare in fondo per  vittime della società e della vita in generale.
Il piccolo Nino è l’artefice delle loro sconfitte, una sorta di piccolo carnefice.
E in questo tv movie girato tra Salerno, Roma, la Tunisia e la nave da crociera Mcs nel Mediterraneo, il duo Bisio – Ferilli è perennemente perseguitato nelle sue scorribande da un improbabile commissario di polizia, il napoletano  Carlo Buccirosso.

Entusiasta dell’esperienza la protagonista Sabrina Ferilli, che a 45 anni dichiara di aver trovato la propria dimensione comica in questo film, non più imprigionata nel ruolo forzato di bomba sexy esplosiva o di comica da cinepanettoni sguaiati e poltrone da spot.
L’attrice, con il mito di Monica Vitti, riesce perfino a non farsi oscurare dalla personificazione della risata, il grande Claudio Bisio. Una coppia simbiotica, che non scade mai nella volgarità e che fa incetta di ascolti grazie alla semplicità, alla solarità e  alla travolgente verve che li contraddistingue.