Gigantesco iceberg si stacca dall’Antartide

Un gigantesco iceberg si è staccato dai ghiacciai dell‘Antartide in seguito a una forte colllisione con un altro blocco di ghiaccio che viaggiava alla deriva, il B9B. Sebbene nelle ultime settimane si siano registrati altri episodi di iceberg “alla deriva”, nessuno è paragonabile al caso in questione, trattandosi di un ghiacciaio di enormi dimensioni. Gli scienziati credono che la collissione fra i due blocchi di ghiaccio potrebbe avere conseguenze anche sulla circolazione degli oceani, diminuendo il livello di ossigeno nelle acque di tutto il mondo e influendo, così, anche sulla metereologia.
Secondo il geologo Neal Young, della Australian Antarctic Division, i due iceborg, che si sono scontrati il 12 febbraio, adesso galleggiano a circa 150 km dalle coste australiane, anche se, data la lentezza del loro movimento, è improbabile che arrivino a toccare l’Australia. Il più grande dei due blocchi misura circa 2.500 kilometri quadrati, più o meno le dimensioni del Lussemburgo, e pesa 860.000 milioni di tonnellate. Equivale a circa un quinto del volume totale delle acque che si usano nel mondo. Il secondo, che ha provocato la collissione- pesa circa 700.000 milioni di tonnellate.
Gli esperti ritengono che il distacco dell’iceberg non è stato causato-come spesso accade- dal cambio climatico, ma per i movimenti naturali delle cappe di ghiaccio. Anche se sono preoccupati per gli effetti che tale fenomeno possa avere sulle correnti oceaniche.