Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Il Cile trema per un minuto: i morti sono almeno 200

0
CONDIVIDI

Barack Obama é pronto ad aiutare il Cile, dove il bilancio del terremoto dice che le vittime arrivano quasi a 200 morti. Il terremoto ha colpito le regioni centrali del Cile alle 3.34 ora locale (le 7.34 in Italia); purtroppo le cifre stimate fino ad ora pare siano pronte ad aggravarsi.
E’ stato dichiarato lo stato di calamità in cinque regioni ed é stato esclusa la possibilità di tsunami sulle coste del Paese ma non l’ipotesi di onde particolarmente alte, che non possono però essere considerate tsunami.

Nell’arcipelago non sono state avvertite scosse sismiche ma l’onda anomala si è sviluppata lungo tutte le coste: l’aeroporto internazionale di Santiago del Cile è stato chiuso visto che i danni hanno colpito anche la zona per gli imbarchi nazionali ed internazionali. La situazione non cambierà per 72 ore.
Dagli Stati Uniti arriva la notizia in merito all’epicentro del sisma di magnitudo 8,8: la scossa é durata per ben un minuto ed è stata susseguita da una ventina di scosse di assestamento pari al grado 5 della scala Richter.
E’ stata bruscamente interrotta l’energia elettrica e i collegamenti telefonici con il Paese intero; in questo momento, per volontà del governo si sta cercando di sgomberare le persone che occupano l’isola di Pasqua.
Intanto l’allarme é stato preventivato anche in Australia, in Giappone e nelle coste della California.

Al momento tutti gli enti europei stanno lavorando in stretta cooperazione per vigilare sulla zona colpita; purtroppo la situazione é ancora troppo incerta, ecco perché é stata organizzata una riunione d’emergenza con il presidente Bachelet in merito all’organizzazione per l’emergenza dello Stato.
“Stiamo valutando la possibilità di inviare tende, perchè c’è stato un mese e mezzo fa il terremoto ad Haiti e le scorte di tende al momento sono ai minimi termini. Tra l’altro le zone colpite hanno soprattutto case costruite con materiale povero e non sappiamo ancora bene quali siano le reali condizioni” spiegano gli esponenti della Croce Rossa.

Alessandra Battistini