Home Sport Vancouver 2010, i fondisti norvegesi si scusano: abbiamo visto troppi porno

Vancouver 2010, i fondisti norvegesi si scusano: abbiamo visto troppi porno


“Se dal web togliessero tutta la pornografia, rimarrebbe un solo sito con su scritto: ridateci i porno”.
Questa frase ormai divenuta celebre, pronunciata dal dottor Cox del telefilm “Scrubs” sarà sicuramente condivisa dai “terribili” fondisti norvegesi, in particolare da Odd Bjorn Hjelmeset, 38 anni, che in conferenza stampa ha così giustificato la sua brutta prestazione nella staffetta 4×10 km: “Credo di aver visto troppi film porno nelle ultime due settimane, ma non è colpa mia. Siamo chiusi in quelle stanzette da troppo tempo e nella camera accanto, quella di Northug, spesso arriva un trambusto che mi fa venire certi pensieri. Cercate di capire, non mi sono trovato in una situazione facile”.

Petter Northug è l’altro fondista della staffetta 4×10 km che ha rimediato la scarsa prestazione di Hjelmeset facendo conquistare alla Norvegia un argento che sa comunque di sconfitta. Lo stesso Northug aveva festeggiato in compagnia di una bambola gonfiabile il precedente oro nella Sprint a coppie, – ecco spiegato il trambusto di cui parlava Hjelmeset -.

Secondo alcuni, il fondista norvegese scherzava quando ha parlato dei troppi film porno nelle due settimane, però Hjelmeset non ha voluto rettificare, anzi ha aggiunto altra carne a cuocere: “Per me Tiger Woods è un mito”.

Odd Bjorn è un campione affermato che ha vinto tanto e ha conquistato grandi piazzamenti in tutte le competizioni: dal bronzo alle Olimpiadi di Salt Lake City nel 2002 ai 5 ori e tre bronzi conquistati nei vari Mondiali di sci nordico cui ha preso parte. Nel 2007 ha ottenuto anche la Medaglia Holmenkollen, riconoscimento fra i più prestigiosi che un’atleta di sport invernali possa ricevere.

I ragazzacci scandinavi non sono nuovi a scandali simili: nel 2007, in occasione dei Mondiali di Sapporo un altro fondista, Lars Berger, si rese protagonista di gesti osceni alle spalle della telecronista Ingerid Stanevold della Nrk.

M. S.