Home Sport

Calcio, Serie A: Vincono Inter e Milan, pari tra Napoli e Roma

CONDIVIDI

In una 26^ giornata ricca di emozioni, l’Inter, decimata dalle squalifiche e con i postumi della gara di Champions contro il Chelsea, va a vincere ad Udine e mantiene 4 punti di distacco sul Milan, vittorioso in casa con l’Atalanta. Incredibile pareggio al San Paolo di Napoli, dove la Roma, in vantaggio di due gol, si è fatta raggiungere sul 2-2. La Sampdoria, priva di tutto l’attacco titolare, è stata sconfitta a Parma, mentre il Chievo ha ottenuto l’ennesimo risultato importante battendo in casa il Cagliari. Partita incredibile al Ferraris di Genova dove il Genoa, in vantaggio per ben tre volte, si è fatto raggiungere e poi superare dal Bologna. Torna a sperare il Siena, che si è aggiudicato il derby contro il Livorno con un gol di Maccarone nel finale.

Udinese-Inter: 2-3
Partono subito forte gli uomini di Marino, che trovano il vantaggio al 2° minuto con Pepe, servito da un perfetto assist di Di Natale. I nerazzurri reagiscono immediatamente e trovano il pari dopo solo quattro minuti con un destro da fuori di Balotelli. Il vantaggio dell’Inter arriva al 21° con Maicon, che dopo una splendida azione corale infila Handanovic all’incrocio. Nel primo minuto di recupero del primo tempo terzo gol dell’Inter con Milito, che gira di testa un cross di Balotelli. La ripresa si apre con il gol su rigore del solito Di Natale al 7°, fischiato per un fallo di mani in area di Balotelli. Inutile assalto finale dei friulani, con traversa clamorosa di Inler al 95°.

Milan-Atalanta:3-1
Il Milan spinge sull’acceleratore fin dai primi minuti, andando vicino al gol con Ronaldinho in rovesciata e con Borriello in contropiede. Il gol arriva al 30° con Pato, che trafigge sul primo palo un non incolpevole Consigli. Il raddoppio dei rossoneri arriva undici minuti più tardi ancora con il numero sette brasiliano, che infila il portiere nerazzurro con un pizzico di fortuna dopo un rimpallo con Manfredini. Nella ripresa l’Atalanta prova a riaprire la partita con Valdes, che con un gran sinistro di controbalzo accorcia le distanze al 56°. La gara si chiude cinque minuti più tardi, quando Borriello ribatte in rete un rigore parato da Consigli a Ronaldinho. Nel finale brutto infortunio muscolare per Pato.

Napoli-Roma: 2-2
Dopo un primo tempo equilibrato terminato a reti inviolate, i fuochi d’artificio arrivano nella ripresa. Al 14° Julio Baptista trasforma il rigore da lui stesso procurato (fallo di Campagnaro), sei minuti più tardi è la volta di Vucinic, che realizza con un destro a giro lo splendido gol del raddoppio. I partenopei non demordono, e alla mezz’ora trovano il gol dell’1-2 con il nuovo entrato Denis, che infila dal limite di sinistro. Proprio al 90° arriva il pareggio di Hamsik su un rigore causato da un fallo di mani di Mexes.

Parma-Sampdoria: 1-0
Partita alla camomilla quella del Tardini, col Parma che prova ad attaccare senza mai rendersi pericoloso e la Samp completamente spuntata, viste le contemporanee assenze di Pazzini, Pozzi e Cassano. Il gol decisivo arriva al 54° grazie a Zaccardo, che da vero attaccante entra in area dalla destra, supera un avversario e di sinistro batte Storari sul secondo palo.

Chievo-Cagliari: 2-1
Vittoria che sa di salvezza per i Clivensi, che affondano un Cagliari troppo sulla difensiva. Il vantaggio casalingo arriva dai piedi di De Paula, che al 33° anticipa l’uscita non impeccabile di Marchetti sulla sponda di Yepes. Pareggio ospite grazie ad Astori al 6° minuto della ripresa, con un tocco sottomisura su palla da fermo. Vantaggio definitivo degli uomini di Di Carlo grazie a Granoche, che sfrutta un clamoroso “autopalo” dello stesso Astori e infila da due passi al 78°.

Genoa-Bologna: 3-4
Partita subito scoppiettante, con il Genoa che parte all’attacco e trova subito il gol del vantaggio con Suazo, abile a toccare in rete da pochi passi su azione da corner: siamo all’8°. Passano solo 3 minuti e arriva il primo pareggio bolognese con Buscè, che risolve una mischia infilando l’1-1. Al 18° nuovo vantaggio casalingo con Sculli, bravo e fortunato a superare Viviano dopo un rimpallo con Zenoni. Nuovo pareggio ospite dieci minuti più tardi: grave errore di Dainelli, Adailton gli ruba palla, si invola verso Amelia e lo trafigge con un tocco sotto. Al 38° ancora in gol Suazo, per il parziale 3-2: l’honduregno triangola con Rossi al limite dell’area e infila Viviano in uscita. Nella ripresa, dopo 11 minuti, terzo pareggio degli ospiti: Adailton riceve da Zenoni, salta un avversario e trafigge Amelia con una rasoiata dal limite. Al 79° il gol decisivo: Papastathopoulos atterra Adailton al limite dell’area e il brasiliano sigla il conseguente rigore. Tripletta personale e 4-3 definitivo per il suo Bologna.

Livorno-Siena: 1-2
Partono forte i labronici che all’11° sono già in vantaggio grazie ad un rigore segnato da Lucarelli, assegnato per fallo di Cribari sullo stesso centravanti amaranto. Ripresa molto nervosa e Livorno che rimane in dieci per l’espulsione di Moro. Il Siena comincia a crederci e trova il pareggio al 79° col nuovo entrato Calaiò, abile a girare in rete da centro area. Nel finale, al 91°, lo splendido gol di Maccarone, con un destro dal limite sul secondo palo.

Pier Francesco Caracciolo