Home Cultura

Grillo contro youtube: “Ha oscurato Travaglio”

CONDIVIDI

Nei giorni scorsi era sparito da youtube un filmato di Marco Travaglio dedicato a Bertolaso e alle sue ultime vicende giudiziarie. A denunciare l’accaduto è Beppe Grillo, che dal suo blog spiega:

“Il filmato è riapparso dopo un paio di giorni in seguito alle azioni del mio staff. Il motivo riportato da YouTube per la cancellazione del video era: “Questo video non è più disponibile a causa di un reclamo di violazione di copyright da parte di Mediaset“.
Travaglio è stato intervistato a casa sua a inquadratura fissa. Né lui, né la sua abitazione sono (per ora) di proprietà di Mediaset. Il copyright sulle parole e sui cittadini non è ancora stato introdotto per legge. In futuro, forse, per comparire su Internet bisognerà chiedere il permesso a Ghedini”.
“YouTube è stata costretta a rimuovere il filmato – denuncia il comico genovese. – La violazione di copyright da parte di terzi riconosciuti rende automatica l’operazione. Chi ha subito la cancellazione può fare reclamo assumendosi le responsabilità della eventuale violazione. Di solito il filmato, se lecito, viene ripubblicato in poche ore. In questo caso non è successo. Sono stati necessari giorni, email e telefonate. Infine, una imbarazzatissima YouTube, ha ricaricato il video e inviato il seguente messaggio al blog:
Per ordine del giudice della causa civile promossa dinnanzi al Tribunale civile di Roma da RTI contro YouTube, ci è stato ordinato di consentire al Consulente incaricato dal giudice di effettuare verifiche sul corretto funzionamento del sistema di Content ID. La rimozione del video in questione è avvenuta nel corso di queste verifiche ad insaputa di YouTube. Non appena abbiamo avuto notizia ci siamo attivati per risolvere l’inconveniente contattando il Consulente. Va ricordato che YouTube è un hosting Service Provider e nel caso di segnalazioni relative al copyright ha l’obbligo di rimuovere i contenuti segnalati”.

Dopo le voci su un presunto flirt con l’ex velina Ribas, dopo le “incomprensioni” con Santoro e gli attacchi subiti dai giornali berlusconiani, la censura di youtube: per Travaglio decisamente un periodo da dimenticare!