Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica La Puglia come il Lazio, a Foggia fuori la lista “Io Sud”

La Puglia come il Lazio, a Foggia fuori la lista “Io Sud”

Il caso delle irregolarità nella presentazione delle liste elettorali che sta mettendo in ginocchio il Pdl a Roma e nella provincia rischia di non rimanere isolato.

L’ufficio circoscrizionale del tribunale di Foggia ha, infatti, comunicato l‘esclusione della lista Io Sud-Mpa che sostiene la senatrice Adriana Poli Bortone per presunte irregolarità nel deposito delle firme a corredo delle candidature.

Un tecnicismo sottostimato dagli addetti alla presentazione dei documenti che potrebbe adesso tradursi in un grave danno per la senatrice che aspira a governare la Puglia; se le cose dovessero rimanere così, infatti, la Poli Bortone potrà contare, nel foggiano, solo sul sostegno dell’Udc (la cui lista elettorale è stata regolarmente accettata).

La notizia ha chiaramente sconvolto la base del movimento guidato dalla Poli Bortone che ha prontamente trasmesso la volontà di presentare ricorso all’ufficio centrale elettorale presso la Corte d’appello di Bari.

La Puglia come il Lazio dunque, sebbene tra i due schieramenti politici (il Pdl e Io Sud) intercorra una non trascurabile differenza relativa al numero dei potenziali elettori. A rendere quasi ironica la vicenda della momentanea esclusione della lista di Io Sud nella circoscrizione di Foggia è l’appunto che qualche giorno fa la stessa Poli Bortone aveva fatto a garanzia delle regolarità nella presentazione delle liste.

Chiediamo che sia fatta una verifica – aveva detto la candidata alla presidenza della Regione Puglia – sulla legittimità delle liste senza rappresentanza in Consiglio regionale né in Parlamento presentate senza firme”.

Una richiesta che la senatrice del centrodestra avanzava, alludendo alla sospetta scorrettezza degli elenchi con i candidati proposti dai due “sfidanti”: Rocco Palese e Nichi Vendola, e che adesso contribuisce a rendere ancora più cocente la delusione per il “pasticcio” che ha coinvolto – invece – proprio la sua lista elettorale.

Intanto gli ultimi sondaggi diffusi in Puglia fotografano una situazione da cardiopalma, con un testa a testa avvincente tra il governatore uscente e il candidato del Pdl. Sia Vendola che Palese incassano, infatti, al momento il 40% delle preferenze, stabilendo un rapporto di competa parità che contribuirà a rendere ancora più accesa la campagna per la conquista della Regione Puglia.

Maria Saporito

Comments are closed.