Home Lifestyle Salute

Pene più piccolo a causa dell’inquinamento

CONDIVIDI

Col passare del tempo le dimensioni del pene si riducono. L’uomo del futuro, dunque, avrà l’organo sessuale notevolmente ridotto, notizia negativa per gli  uomini e anche per le donne.

La novità è stata annunciata a Padova al convegno “Medicina e sessualità” da da un gruppo di andrologi del Centro di crioconservazione dei gameti maschili dell’Azienda ospedaliera – Università di Padova, coordinati da Carlo Foresta.
E’ stato scoperto che negli ultimi sessant’anni l’organo sessuale maschile a riposo si è ridotto addirittura di un centimetro. E la colpa del ridimensionamento è di inquinamento e obesità.

La ricerca è stata condotta su un campione di oltre 2mila diciottenni studenti di scuola superiore padovani (il campione non può essere comparabile al 100%, perchè i campioni sono diversi). Basandosi sui dati raccolti nel 1948 da Kinsey, secondo i quali quali la misura media del pene a riposo era di 9,7 centimetri,  i ricercatori hanno fatto il confronto con la lunghezza media dell’organo sessuale del loro campione: ebbene, si è passati agli 8,9 centimetri.
E’ emerso, poi, anche un altro dato. Per ben cinquantadue ragazzi la lunghezza del pene a riposo è di 6 centimetri e il 30,7% di questi giovani era obeso.

La radice del problema sta nell’inquinamento ambientale, che provoca mutamenti all’apparato sessuale maschile. “Diossine, pesticidi, metalli pesanti, additivi di plastiche, vernici e detergenti possono agire in due modi: riducendo l’attività degli ormoni maschili androgeni o mimando l’attività degli estrogeni femminili”, ha dichiarato il professor Foresta. L’uomo, dunque, sta modificando la propria struttura assimilandola a quella della donna, e le conseguenze si ripercuotono proprio sull’assetto dell’apparato riproduttore.

Il professor  Foresta ha messo in evidenza anche un latro dato relativo alla lunghezza delle gambe. Oggi i giovani hanno le gambe molto lunghe, motivo per cui la loro struttura corporea è molto diversa rispetto a quella dei loro antenati.

Angela Liuzzi

Comments are closed.