Calcio, Inter- Moratti parla di Balotelli, Mourinho e scudetto

Oggi Massimo Moratti ha dato voce alla sua Inter rilasciando delle dichiarazioni. La squadra è in silenzio stampa e il Presidente prova a dare qualche spiegazione.

Non dico che risultiamo anticipatici ma in questo momento non vogliono che l’Inter parli degli arbitri e non ne parleremo. Il silenzio stampa durerà fino a quando ce ne sarà bisogno. Non mi è piaciuto che in certi momenti di difficoltà in tanti hanno fatto i moralisti e ci hanno dato consigli? Noi, comunque, andiamo avanti con tranquillità per la nostra strada. Abbiamo la squadra per portare a termine campionato e non solo”.

Il patron interista spera quindi di chiudere al primo posto il Campionato italiano ma soprattutto di continuare il cammino europeo e magari alzare la Coppa dei sogni. Per questo confida nel suo allenatore e nei gioielli della sua collezione. Mourinho fin’ora non lo ha deluso soprattutto regalando la vittoria contro il Chelsea nell’andata di Champions. Risponde così a chi attacca il suo Mister: “Vedo che sui giornali si parla di lui come personaggio, ma ci si dimentica che lui è prima di tutto un grande professionista. E non lo dico solo ora. Cura i minimi dettagli ed è molto pignolo. E’ molto attento al lavoro in allenamento. Insomma credo che si meriti i soldi del contratto”.

E sulle possibili voci di una rottura a fine stagione: “Lui ha un contratto con l’Inter, ma al di là di questo sono sicuro che lui resterà, felice e vincente”.

C’è tempo per parlare anche di Super Mario. Nella lista dei convocati per la nazionale non c’è il nome di Balotelli. Lippi ha quindi deciso di lasciarlo a casa. Moratti sembra essere d’accordo con il Ct della nazionale italiana: ” Non ci vedo una hiusura. Semmai del buon senso. Balotelli è un talento speciale. Ha ragione Lippi, lasciamolo maturare”.

 

Filomena Procopio