Oggi i funerali di Enzo Fragalà: ecco l’appello della vedova contro l’omertà

Nella giornata di oggi la città di Palermo darà l’estremo saluto ad Enzo Fragalà: noto avvocato penalista e consigliere comunale nonché ex parlamentare di An ucciso a bastonate da uno sconosciuto. Dopo tre giorni di coma l’uomo, com’è noto, è deceduto nella giornata di venerdì a causa dell’aggressione.

Allestita la Camera ardente, a partire da questa mattina alle 8, presso municipio di Palermo; già da ieri però si poteva rendere omaggio alla salma: migliaia di palermitani hanno infatti deciso di manifestare l’ultimo saluto a Fragalà. Nel giorno dei funerali, fissati per oggi a mezzogiorno presso la Cattedrale di Palermo, la cerimonia sarà officiata dall’arcivescovo Paolo Romeo, è stato proclamato il lutto cittadino. Bandiere a mezz’asta in tutti i palazzi comunali.

Moltissime presenze annunciate dal mondo della politica per la funzione di oggi: ci saranno i presidenti delle Camere Renato Schifani e Gianfranco Fini, il ministro Altero Matteoli e il capo della polizia Antonio Manganelli, oltre ai moltissimi colleghi dell’avvocatura che in questi giorni hanno più volte dichiarato il loro sgomento per il clima di violenza e di paura che, questa macabra esecuzione, ha generato.
Dolore, terrore ma soprattutto fortissima rabbia nei confronti di chi ha compiuto tale gesto. Il ministro della Giustizia Angelino Alfano, che sabato pomeriggio era stato alla camera ardente per manifestare il proprio cordoglio ai familiari, mancherà in quanto impegnato nella seduta del consiglio dei ministri atto ad esaminare il disegno di legge contro la corruzione.

Gli avvocati si sono letteralmente mobilitati organizzando, infatti, una ‘serrata’ che non ha precedenti: studi chiusi e, alle 15, una manifestazione in piazza della Memoria, lo spazio della cittadella giudiziaria dedicato ai magistrati uccisi.

La famiglia della vittima, dal canto proprio sta, reiteratamente, chiedendo a tutti i cittadini che hanno visto qualcosa o siano a conoscenza di notizie che potrebbero condurre al killer di parlare:

Noi e Palermo abbiamo diritto alla verita‘. La vedova Silvana, straziata ma risoluta nella ricerca della verità prosegue
“Non possiamo permettere che un uomo integerrimo, onesto e buono come Enzo venga massacrato in questo modo“.

Valeria Panzeri