Film in televisione: è remake per “Starsky e Hutch”

Questa sera, alle ore 23:40, il secondo canale Rai trasmetterà la commedia, del 2004, “Starsky e Hutch“. La pellicola, diretta da Todd Phillips, è interpretata da Carmen Electra e dagli irriverenti Ben Stiller e Owen Wilson. Il film è il remake, in chiave ironica, della serie televisiva poliziesca degli anni ’70: se la trama rappresenta una sorta di prequel ai fatti raccontati nella serie a puntate, il tributo a quest’ultima è sugellato da un cameo realizzato dagli attori originali, David Soul e Paul Michael Glaser.

Anni ’70, Bay City. I due detective della polizia David Starsky (Ben Stiller) e Kenneth Hutchinson, detto Hutch (Owen Wilson), sono alle prese con il loro primo caso importante: la cattura del trafficante di un nuovo tipo di cocaina. Diversi in ogni cosa, i due, inizialmente, non si sopportano: Starsky, frenato dal ricordo di sua madre, poliziotto modello, svolge le sue indagini in modo ferreo, Hutch, invece pensa che sia il fine a giustificare mezzi non sempre ortodossi…

Todd Phillips è un regista assolutamente irriverente, come ci aveva già dimostrato nell’esilarante Road Trip. Irriverente è anche la nuova coppia consolidata della commedia americana: avevamo già visto insieme Ben Stiller e Owen Wilson in “I Tennenbaum” e “Zoolander“. Garantito, dunque, anche il successo di questa nuova formula di “Starsky e Huch”. Oltre agli indimenticabili protagonisti dobbiamo segnalare Fred Williamson, meraviglioso nel ruolo del perennemente arrabbiato capitano Dobey e il rapper Snoop Dogg che, con la sua trascinante verve, nel ruolo del boss e informatore, ruba, spesso, la scena ai due protagonisti.

Il risultato è insuperabile: la pellicola risulta frizzante, divertente e dinamica. La comicità non è scontata ma geniale ed è l’osmosi tra le idee di un regista brillante, la recitazione di una coppia di attori molto affiatati e un contorno di comprimari famosi e irriverenti. Da guardare senza pregiudizi, perchè il film è abbastanza diverso dalla serie di partenza.

Valentina Carapella