Un esame del sangue distingue le diverse intolleranze al latte

Una ricerca della Mount Sinai School of Medicine (New York USA) diretta dal professor Hugh Sampson e presentata al congresso di New Orleans dell’American Academy of Allergy, Asthma & Immunology, annuncia che da oggi, sarà possibile sottoporre i bambini allergici ad un test, capace di distinguere le varie tolleranze al latte e ai suoi derivati.

Quando si parla di allergie al latte e di intolleranza, si parla di differenti condizioni di salute, con differenti cause, sintomi, gruppi colpiti e conseguentemente di differenti trattamenti al fine di eliminare gli effetti provocati.

Ci riferiamo ad un’?intolleranza alimentare?, quando vi è una reazione avversa dell’organismo a certe sostanze o additivi alimentari, che coinvolgono la digestione od il metabolismo, ma non il sistema immunitario.

Quando invece parliamo di allergia alimentare?, ci riferiamo ad una reazione del sistema immunitario dell’organismo a qualcosa che è contenuto nell’alimento o ad un ingrediente di questo.

Il latte bovino, le uova, il grano e la soia sono tra gli alimenti che più comunemente provocano reazioni allergiche tra i bambini. L’allergia al latte è causata da un’anormale reazione del sistema immunitario alle proteine presenti in questo.

I ricercatori affermano che, il test sarà in grado di accertare quali siano i pazienti capaci di tollerare i prodotti a base di latte, da quelli che invece ne sono completamente allergici.

Lo studio ha evidenziato che in soggetti totalmente allergici le immonoglobuline E, ossia gli anticorpi, si legano a più epitopi di quelle dei pazienti che avevano invece, una reazione allergica solo al latte non trattato.

Inoltre sarebbe importante la quantità degli epitopi, poiché esiste una relazione diretta tra, gravità del disturbo ed il numero di questi riconosciuti dagli anticorpi E.

Effettuando un semplice esame del sangue ( in questo consisterebbe il test ), sarà dunque possibile evidenziare le differenze dei vari malati, evitando la tradizionale prova allergica agli alimenti, che oggi si effettua per via orale.

Questo test è inoltre in grado di fornire al medico, altre importanti informazioni, sulla gravità delle reazioni allergiche, facilitando così l’intervento sul paziente.

g.