Calcio, Juventus: 8-1 al Bra. Buon test per Iaquinta e Poulsen

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:38

Ottimo test per Vincenzo Iaquinta e Christian Poulsen contro il Bra, formazione che milita nel campionato di Eccellenza. Entrambi hanno giocato per 60 minuti e si candidano per una panchina per sabato a Firenze contro la Fiorentina. Alberto Zaccheroni ha schierato i suoi con un offensivo 4-3-3 sotto lo sguardo attento del vicedirettore generale Roberto Bettega. L’attaccante s’è mosso bene su tutto il fronte d’attacco. Prima è stato schierato a sinistra, poi è stato spostato al centro e nei quindici minuti della ripresa giocati s’è spostato sulla destra. Nei primi dieci minuti dell’amichevole si vedeva che il ritmo partita non era ancora nelle sue gambe, ma appena i muscoli si sono scaldati ha cominicato a fare ammattire i difensori della formazione ospite con le sue “famose” sgroppate sulle fasce. Vincenzone, quattro mesi e mezzo dopo l’operazione al menisco esterno del ginocchio sinistro, è comunque entrato in due azioni da gol fornendo un assist e mezzo ed è andato un paio di volte vicino al gol. Christian Poulsen, invece, piazzato al centro del campo in regia, ha svolto il compitino con diligenza, mettendo benzina nelle gambe e muovendosi a suo agio nonostante siano passati due mesi dalla frattura al perone patita in campionato contro il Milan. La Juventus, di fronte a una cinquantina di tifosi circa sulla tribunetta laterale (la maggioranza tutta di fede giallorossa) ha battuto il Bra per 8-1 grazie ad una tripletta di Immobile (che ha poi sfiorato il poker sul finire di gara, ma un miracolo di Manninger gli ha negato la gioia del quarto gol), una doppietta di Paolucci, e ai gol di Trezeguet, Bamba e Boniperti, entrambi giocatori della Primavera. Per la formazione ospite il gol della bandiera è stato messo a segno da Ferrero a metà della ripresa, quando tutti i “big” erano già usciti dal rettangolo di gioco. Gli ospiti hanno retto bene soltanto nei primi 45 minuti, riuscendo a mettere spesso in difficoltà i professionisti con veloci ripartenze. Poi, nella ripresa, complice anche un pò distanchezza, sono capitolati.
I bianconeri sono stati schierati con Pinsoglio in porta, Zebina sulla destra e Grosso sulla sinistra. Al centro del campo il danese, con davanti il tridente formato da Paolucci, Trezeguet e Iaquinta. Gli altri componenti della squadra erano tutti giovani allenati da Bruni. Dopo nemmeno 6 minuti Zebina scalda subito le mani a Manninger, portiere del Bra per un giorno, ma il suo colpo di testa centrale non ha impensierisce più di tanto l’austriaco. Al 25′ è il capitano ospite a sfiorare l’incrocio dei pali con una punizione tagliatissima dai 28 metri, con Pinsoglio immobile. Due minuti più tardi primo squillo di Iaquinta, ma il suo tiro è centrale e si spegne tra le mani di Manninger. Lo stesso attaccante, al 36′, riesce a fuggire sulla fascia  e a mettere al centro un cross invitante per Trezeguet. Il suo colpo di testa, soltanto spizzato, favorsice Paolucci che, dopo la deviazione fortuita di un difensore avversario, porta in vantaggio la Juventus con un piattone sotto la traversa mettendo in mostra le sue doti da rapinatore d’area di rigore. A quattro minuti dall’intervallo l’attaccante franco-argentino si rifà alla grande e mette e firma il raddoppio bianconero: cross dalla destra, aggancio volante quasi impossibile (non per lui) e sinistro al volo nell’angolino. Proprio allo scadere tocca a Iaquinta sfiorare il gol con una gran botta al volo a lato di pochissimo. Ad inizio ripresa, senza Grosso,che ha lasciato il campo, la Signora dilaga. Dopo dieci minuti Paolucci firma la sua personale doppietta appoggiando in spaccata un perfetto cross teso di Iaquinta che, con la sua velocità, ha portato a spasso un paio di avversari sulla fascia sinistra. Al quarto d’ora escono tutti i big e lasciano spazio ai giovani. Bamba firma il 4-0, Ferrero realizza il gol della bandiera, e poi è Immobile show: tripletta e quarto gol sfiorato più volte. Chiude la diatriba il nipote d’arte Filippo Boniperti, nipote del grande Giampiero. Bella sgambata e bel test a Vinovo sotto la pioggia battente. Finisce 8-1 per la Juventus e le belle notizie si chiamano Christian Poulsen e Vincenzo Iaquinta, al quale è mancato soltanto il gol. Entrambi sono pronti al rientro e scalpitano.

Andrea Bonino