Calcio, Milan: trattativa Diego Alves in bilico e Balotelli strizza l’ occhio al Diavolo

L’ importante successo a San Siro contro l’ Atalanta, che rientra nel caldo capitolo di raccogliere punti anche e sopratutto con formazioni non di eccessivo blasone, oltre che esaltarsi con le altre “grandi”, ha regalato il secondo posto solitario ai rossoneri di Leonardo, ora a quattro punti dagli antipatici cugini nerazzurri e con le altre inseguitrici che iniziano ad accusare i primi affanni della lunga ed estenuante rincorsa al vertice della classifica, vedi il capitombolo interno della Juventus e il pari pirotecnico tra Napoli e Roma, che alla fine dei giochi non ha soddisfatto nè l’ una, nè l’ altra formazione.

L’ obiettivo Champions League è alla portata del club di Via Turati, la conquista del tricolore pure e se consideriamo che il Milan è una delle squadre più in forma del momento, i supporter rossoneri dovranno sperare che l’ undici di Mourinho accusi il fiatone sul collo e perda qualche colpo strada facendo e si potrà concretizzare anche l’ assalto allo scudetto stagionale.

Proseguono senza sosta i movimenti di mercato al fine rinforzare e portare nuove energie a Milanello: da una parte, resta da decifrare l’ affare William Gallas in procinto a fine stagione di non rinnovare il suo contratto con Wenger ed i gunners. Il difensore dei britannici e della nazionale transalpina, all’ Arsenal dal 2006 potrebbe preparare le valigie e collocarsi altrove ed in tal senso Milan e Roma si daranno battaglia per il suo cartellino. P

Più fatiscente si presenta la trattativa sull’ estremo difensore dell’ Almeria, Diego Alves; il talentuoso portiere di Liga Spagnola è insidiato da diverse squadre e non gode dell’ esclusivo interesse di Galliani e staff. In particolare dalla Premier League giunge l’ offerta dell’ ambizioso Tottenham, consapevole di poter disputare un campionato di rango il prossimo anno e per far questo gli Hotspurs sono disposti a mettere sul piatto delle offerte una cifra da capogiro che potrebbe mettere fuori dai giochi il sodalizio rossonero.

E in una giornata così amena, farneticante, febbrile e delirante come poche, non poteva mancare il contributo dell’ attaccante nerazzurro Mario Balotelli, che dopo essere stato avvistato sugli spalti di San Siro a tifare Milan, dichiara alla rivista “MM” una frase foriera di nuove polemiche e grattacapi per Massimo Moratti:

“Se penso a Milano cosa mi viene in mente? Il Milan, ovviamente”.

Gionata Cerchiara