Da vampiro a eroe romantico: Robert Pattinson in Remember me

Dopo aver stregato milioni di fan in tutto il mondo con le prime due pellicole della saga di Twilight , Robert Pattinson torna sugli schermi con il film Remember me, commedia tragi-romantica in cui veste i panni di un giovane universitario di New York. Il film , distribuito dalla Eagle Pictures, che sarà nelle sale cinematografiche dal 26 Marzo, promette un altro successo per il giovane attore che già viene definito dalla critica e molti suoi colleghi il nuovo James Dean .

La pellicola “Remember me” , diretta da Allen Coulter, vanta un cast di validi attori tra cui Emilie de Ravin ( protagonista femminile), Pierce Brosnan, Chris Cooper, Lena Olin, Tate Ellington, Gregory Jbara, Wilmer Calderon, Amy Rosoff, Chris McKinney, Jon Trosky, Kelli Barrett e William H. Burns. La trama è tutta incentrata su due giovani studenti di New York , un ragazzo (Tyler) e una ragazza (Ally) le cui vite ,segnate da gravi lutti familiari, sono destinate ad intrecciarsi e a sfociare in una coinvolgente e appassionante storia d’amore.

Il film è pervaso dall’inizio alla fine da eventi e situazioni che mettono a rischio le relazioni sociali , emotive e private dei due personaggi principali. I due innamorati saranno travolti da una passione irrazionale che il destino casualmente ha riservato per loro, ma il tutto  verrà messo in crisi verso la fine della storia a causa della scoperta di alcuni segreti che i due si tenevano nascosti reciprocamente. Attraverso il forte sentimento che li unisce Ally e Tyler scopriranno il vero senso della vita e soprattutto capiranno quale scopo hanno le loro esistenze.

Questa volta Pattinson dovrà misurarsi con un personaggio non molto diverso dal vampiro Edward che gli ha dato tanta fama: avrà dovuto avere la capacità di mettere in scena un personaggio contorto , dall’animo segnato dalla sofferenza e dal dolore: dovrà insomma aver avuto l’abilità e la spontaneità di rispecchiare un ventenne del nostro tempo   che si confronta con la vita e la società interrogandosi sul proprio futuro.

Francesca Ceccarelli