Film in televisione: Jennifer Garner è “Elektra”

Domani sera, alle ore 23:30, Raidue trasmetterà il film fantastico, del 2005, “Elektra“. La pellicola, diretta da Rob Bowman, è interpretata da bellissima Jennifer Garner (già protagonista della serie tv “Alias”). La pellicola è uno spin-off di “Daredevil“, in cui l’attrice interpretava già il ruolo dell’eroina del fumetto creato da Frank Miller per la Marvel Comics.

Prendendo il via dal precedente Daredevil, dove Elektra era stata uccisa, ora viene resuscitata dal suo mentore Stick. Ma l’eroina ha abbracciato la via del male divenendo una killer professionista. La sua nuova missione è l’assassinio di Mark e di sua figlia Abby, una ragazzina con un misterioso potere. Essendosi affezionata ai due, Elektra decide di non ucciderli ma di proteggerli da “La Mano“, un’organizzazione criminale coinvolta in qualche modo con la ragazza…

Si sa, nel cinema contemporaneo l’adattamento su pellicola di eroi da fumetto è molto di moda. Non sempre, però, ci si imbatte in versioni apprezzabili dal punto di vista artistico. Al contrario di “Spider Man“, “X-Men” o “Hulk“, già “Daredevil” era stato una delusione perchè privo di profondità. “Elektra” si colloca sulla stessa linea d’onda, sebbene, d’altro canto, possa vantare degli effetti speciali da urlo.

Nell’universo di Dardevil, uno degli eroi della Marvel meno amati dal pubblico, compare, per la prima volta, a metà ‘900, il genio di Frank Miller. Il fumettista fu in grado di reiventare il supereroe anche dotandolo di comprimarti di tutto rispetto. La bellissima e ammaliante Elektra guadagnò, velocemente, un posto nel cuore dei lettori. Il regista Bowman ha peccato di ubris, cercando una nuova originalità in un personaggio che non ne aveva bisogno.

In ogni caso, il (poco) successo della pellicola è, senz’altro, dovuto alla presenza, cosa non da poco, di Frank Miller come produttore del film. Avrebbero potuto lasciare a lui sceneggiatura e regia! Film apprezzabile solo per chi non ha la conoscenza dell’opera a fumetti.

Valentina Carapella