Grande Fratello 10, Veronica Ciardi: “Io cubista dignitosa”

La pantera della casa del “Grande Fratello” torna a ruggire ma lo fa con classe, anche se può sembrare un controsenso trattandosi della Veronica romanaccia nel midollo e lancia un patto di non belligeranza con gli ex inquilini del reality show e con il mezzo stampa, che sta portando avanti un vero e proprio assedio mediatico alla mora che ha messo in subbuglio, conferendo per fortuna un pò di movimento alla quotidianità a volte boriosa che caratterizzava le giornate all’ interno della casa.

Accantonati i temi più piccanti e scottanti, sui quali si conoscono anche i dettagli più profondi, dall’ amicizia pura e senza risvolti saffici con la napoletana Sarah Nile, alla rabbia del pugliese Massimo Scattarella che proprio non manda giù il legame tra le due ragazze, passando per lo scandalo a sfondo sessuale fatto scoppiare dalla pornostar Laura Perego che sosteneva di aver avuto rapporti con Veronica, quest’ ultima fa le sue previsioni su chi potrebbe vincere il Gf edizione numero dieci:

“Dovrebbe vincere Giorgio, perché è un ragazzo d’oro. Pieno di valori, umile, davvero una gran persona. Ma vincerà sicuramente Mauro. Purtroppo è troppo amato. E dico purtroppo perché secondo me non hanno capito davvero chi è”.

Veronica si dice frastornata da tutto questo scalpitio e morboso interesse nei confronti della sua vita privata, sopratutto dopo i quattro mesi trascorsi all’ interno dello stabile di Cinecittà e desidera ritrovare la pace e la serenità che aveva prima di essere vittima dei riflettori della notorietà. Poi aggiunge una battuta in risposta a chi la critica pesantemente sul lavoro da ragazza immagine che svolge di sera e l’ attività di educatrice durante il giorno; una medaglia dalla doppia faccia, ma senza scandalo:

“Sì, dicendo che in primo luogo il lavoro da cubista è assolutamente dignitoso e poverini quelli che dicono il contrario. Anche perché sono poi quelli che dietro fanno ben di peggio… Poi, per arrivare a fine mese, abitando da sola da due anni e non essendo nata ricca, un secondo lavoro mi ha sempre fatto comodo. Non che io andassi lì felice di andarci, ma ciò non significa che se salgo sul cubo poi mi presti ad altre cose. Ballo e basta”.

Conclude dicendo che non ci sono solo scontri, polemiche e vecchi conti da saldare, ma anche persone a cui puoi avvicinarti nel tempo e considerare importanti, anche se all’ inizio non era così:

“Ho legato molto di più con Carmen. Siamo state insieme anche in albergo questa settimana, ci siamo conosciute meglio. E poi di quelli usciti in precedenza Camila, Diletta e Gabriele, che ho rivalutato tantissimo”.

Gionata Cerchiara