Quando il Calcio è una questione di centimetri

Kristof Van Hout, portierone dello Standard Liegi

Spesso nel mondo del Calcio si riduce tutto ad una questione di centimetri: 10 cm più in là ed è rigore, 5 cm in più e la palla supera la  linea di porta. C’è chi ci costruisce sopra un’intera carriera, come Pippo Inzaghi sul fuorigioco. C’è, ancora, chi ci effettua uno studio. Stiamo parlando del Pfpo( Professional Football Players’ Observatory ) un centro studi che si è divertito a prendere le misure ai calciatori.

Il Pfpo, insieme al Centro Internazionale di studi dello sport di Neuchàtel, ha monitorato 36 campionati, 528 club e 12.524 calciatori professionisti. 

Dall’indagine, effettuata come una sorta di Guinnes dei primati, è emerso che il calciatore più alto d’Europa( di una massima serie) è il portiere Kristof Van Hout con i suoi 208 cm. Van Hout, 23 anni, difende la porta dello Standard Liegi

Se l’estremo difensore è il numero uno in quanto ad altezza, il primato del calciatore più basso va alla punta ivoriana Bakary Konè, che milita nell’ Olympique Marsiglia: Konè è alto( o meglio dire basso) 163 cm e ha battuto sul filo del rasoio la stella nostrana Sebastian Giovinco, attaccante della Juventus, che ha dalla sua 164 cm.

Le curiosità non finiscono qui: la squadra più alta d’Europa( effettuando una media dei suoi calciatori) è il Javor ( Serbia ), 186,47 cm, davanti ai tedeschi dl Werder (185,37 cm) e agli austriaci del Mattersburg( 185,28).

La palma d’oro per la squadra più lillipuziana va agli israeliani del Bnei Sakhnin( 176,95 cm di mdia).

Il torneo più alto è quello serbo, con 183,4 cm di media fra tutte le squadre. Il più basso? Si gioca a Cipro: 180,15 cm. La Serie A si piazza al 17° posto con 181,77 cm di media.

Per un giorno si possono anche lasciar stare le polemiche arbitrali( rigore/non rigore, fuorigioco oppure no) e cogliere le curiosità di uno sport fatto non solo di interessi e potere, ma anche di questo.

Emanuele Zambon