Home Spettacolo

Spot “troppo sexy” per Paris Hilton

CONDIVIDI

Modelle e pubblicità; pubblicità e modelle.

Si direbbe quasi sia questo il binomio perfetto per il successo di un nuovo spot televisivo. Forse è ciò che hanno pensato e studiato coloro che hanno chiamato una bellissima modella americana.

Nota più che per le sue doti di cantante o show girl, è una delle ragazze più ricche e soprattutto più in vista per le sue varie storie mondane.

Per chi non l’avesse ancora intuito si sta parlando di Paris Hilton, la famosissima ereditiera sempre in giro per il mondo con i suoi adorabili chihuaua, vestita dalla testa ai piedi di un tenero color “rosa confetto” e richiestissima in qualsiasi festa che si rispetti.

Questa volta però non ci si riferisce alle sue solite abitudini giornaliere. L’argomento questa volta messo in discussione riguarda uno spot pubblicitario proposto nello stato brasiliano nel quale la “reginetta del fashion” fa da protagonista.

La sponsorizzazione di una semplice bevanda diventa in un attimo una provocazione, grazie alla bella e fresca presenza giovanile. Considerata “troppo sexy” – dalle esplicite parole arrivate dal Consiglio Nazionale per l’autoregolamentazione pubblicitaria del Brasile – Paris Hilton ha visto il proprio video quindi malamente venir censurato.

Attraverso le denunce esposte e giunte in brevissimo tempo al Consiglio brasiliano da parte di un gran numero di consumatori, si sono fatte sentire velocemente anche la Segreteria Speciale delle politiche per le donne e altri comitati di parte femminista, definendo il tutto come “una campagna sessista e irrispettoso: circa una sessantina di secondi decisamente bollenti, in cui, più che una birra, qualunque spettatore non può far altro che notare la Hilton”. Parole dure, ma vere.

Il Brasile quindi è giunto alla indiscussa conclusione di vietare la trasmissione dello spot.

Povera Paris Hilton, che dopo queste polemiche, è stata cliccata da quasi 4000 persone sul web con questo video diventato subito un must, mostrando un tipico ritorno di celebrità, conseguenza come ogni volta della famosa censura.

Valentina Princic