Probabili formazioni di Bologna-Napoli

Sfida importantissima al Dall’Ara in chiave Europa-retrocessione, di fronte il Bologna di Franco Colomba ed il Napoli di Walter Mazzarri. I felsinei sono reduci dall’ottima vittoria per 4-3 sul campo del Genoa mentre il Napoli dall’entusiasmante pareggio in rimonta ottenuto al San Paolo contro la Roma. Queste le probabili formazioni:

Bologna (4-4-2): Viviano; Raggi, Portanova, Moras, Lanna; Buscè, Mudingayi, Guana, Mingazzini; Adailton, Zalayeta. All: Colomba
A disposizione: Colombo, Casarini, Britos, Zenoni, Savio, Gimenez, Succi
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Mutarelli, Pisanu, Di Vaio, Modesto, Appiah

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Rinaudo; Maggio, Gargano, Pazienza, Aronica; Hamsik, Lavezzi; Quagliarella. All.: Mazzarri
A disposizione: Iezzo, Zuniga, Rullo, Bogliacino, Cigarini, Hoffer, Denis
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Santacroce, Dossena, Grava

Assenze pesanti per i padroni di casa costretti a fare a meno di Mutarelli, Modesto e soprattutto Di Vaio. In attacco quasi sicuramente riconfermato il tandem Zalayeta-Adailton con quest’ultimo assoluto protagonista, con una tripletta, in occasione della trasferta genovese di domenica scorsa.

Colomba recupera l’ex Empoli Raggi che assieme a, Portanova, Moras e Lanna dovrebbe costituire il reparto difensivo mentre Buscè, Mudingayi, Guana e Mingazzini saranno la colonna vertebrale in mezzo al campo.

Il Napoli di Mazzarri conferma la difesa a 3 che sarà probabilmente costituita da Campagnaro, Cannavaro e Rinaudo. A centrocampo il tecnico livornese dovrebbe schierare il classico rombo formato da Maggio, Gargano, Pazienza ed Aronica ormai ampiamente collaudati durante questo campionato.

Attacco che vede in fase di regia lo slovacco Marek Hamsik chiamato ad agire dietro alle due punte Quagliarella e Lavezzi.

Sarà un incontro molto delicato per i partenopei che non possono più permettersi di fare passi falsi. Gli azzurri occupano attualmente il quinto posto in graduatoria insieme alla Juventus, due sole lunghezze li separano dalla zona Champions, tuttavia la vittoria manca ormai da un mese e mezzo (l’ultima fu lo 0-2 di Livorno datato 24 Gennaio) e nelle ultime 5 partite sono arrivati ben 5 pareggi ed una sconfitta, con un ruolino così non si può di certo ambire alla massima competizione europea.

Simone Meloni