La Alice di Tim Burton tra noir e fantasia

Arriva finalmente sugli schermi un altro capolavoro in 3D tanto annunciato, “Alice in Wonderworld” diretto dal regista più stravagante degli ultimi anni, Tim Burton.

Campione d’incassi ai botteghini già dal suo primo giorno nei cinema di mezzo mondo,( 140.000 euro di incasso) l’Alice  Di Burton , coadiuvata dalla nuova tecnologia 3D, promette di diventare un altro gran successo. Ispirato ai due libri capolavori di Lewis Carroll,  il film non tralascia nulla degli aspetti della storia proposta per la prima volta molti anni fa dalla Disney che ne ha fatto un cartoon dal successo mondiale, ancora oggi visto da bambini di tutto il mondo.

Il Coniglio Bianco, Pinco Panco e Panco Pinco, Toperchio, il Brucaliffo, lo Stregatto, e ovviamente, il Cappellaio Matto e tutti gli altri personaggi non mancano sicuramente all’appello in questa rivisitazione del regista visionario Tim Burton, autore tra gli altri di cult come “Edward mani di forbici”, “Il mistero di Sleepy Hallow”, ” La fabbrica di cioccolato ” e “Nightmare before Christmas”.

Degne di nota sono le interpretazioni magistrali dei protagonisti: in primis Jhonny Depp, ormai veterano dei film di Burton , che ha saputo dare un’interpretazione originale e quasi poetica del Cappellaio Matto. Altre figure di spicco sono MIA WASIKOWSKA che veste i panni della diciannovenne Alice, che dopo tanti anni torna nel mondo incantato da lei visitato quando era bambina; lì ritrova i suoi indimenticabili amici d’infanzia.  Il nutrito cast di star comprende inoltre ANNE HATHAWAY, HELENA BONHAM CARTER e CRISPIN GLOVER.

Non di meno è l’aspetto musicale del film curato anch’esso nei minimi particolari. Moltissimi sono gli artisti di fama mondiale che hanno voluto dare il loro contributo. Se i brani orchestrali sono stati infatti affidati a Danny Elfman, da sempre partner musicale preferito di Burton, l’album Almost Alice contiene 16 tracce firmate da artisti ispirati tanto dal film quanto dall’originale letterario.
La title track è di Avril Lavigne , mentre i Franz Ferdinand interpretano a loro modo la Quadriglia delle Aragoste del libro in The Lobster Quadrille e Robert Smith, qui in versione solista, da voce alla stessa Alice in A Good Advice.
Tra le altre band coinvolte anche Tokio Hotel, Metro Station, Shinedown e Wolfmother con Fell Down a Hole.

Francesca Ceccarelli