Brasile e M346 i prossimi obiettivi di Finmeccanica

Il presidende ed amministratore delegato di Finmeccanica Pier Francesco Guarguaglini ha fatto sapere, al termine dell’evento di presentazione dei risultati 2009 che si è tenuto a Londra, che la sua azienda è seriamente interessata ad intavolare trattative con il Brasile per stringere accordi su più fronti.

Secondo il top manager i settori che più interessano al suo gruppo sono “il campo navale, i sistemi di controllo costiero, campi dove abbiamo prodotti validi e tecnologicamente avanzati. Guardiamo anche ai progetti sull’alta velocità tra Rio de Janeiro e San Paolo”.

Un’altro settore che interessa molto al presidente di Finmeccanica è quello relativo all’organizzazione dei Mondiali di calcio del 2014 e delle Olimpiadi del 2016 che si svolgeranno nel paese sudamericano. Guarguaglini spera di riuscire ad entrare in questo busines proprio in virtù dell’esperienza e della competenza che la sua società ha accumulato in più di 60 anni di attività in materia di sistemi di sicurezza. A tal proposito ha dichiarato “sicuramente le due manifestazioni sportive ci interessano molto, speriamo di incontrare entro la prossima settimana il Ministro dello Sport brasiliano per poter presentare le nostre capacità, le nostre idee e i nostri progetti concreti”. Oltre a Guarguaglini dovrebbe far parte della spedizione italiana della settimana prossima in brasile anche il presidente del consiglio Silvio Berlusconi. Per quanto riguarda gli altri settori dell’operazione lo sviluppo delle relazioni industriali Italia – Brasile è complessivamente stimato intorno ai 10 miliardi.

E’ notizia dell’ultima ora, inoltre, la dichiarazione di Guarguaglini sulla realizzazione dell’aereo addestratore militare M346 e sulla la sua distribuzione nel mercato mondiale: “la nostra intenzione è trovare un partner e coinvolgere Boeing, che insieme alla controllata Drs, possa creare un prodotto più americano destinato sia al mercato Usa che a quelli allargati. Con Boeing si potrebbe realizzare sostanzialmente un M346 diverso per ogni tipo di mercato”. Per ora l’aereo è in una short list in Malesia ed è stato scelto dagli Emirati Arabi con i quali vanno ancora discussi gli aspetti commerciali.

di Roberto D’Amico