Calcio, Brasile: Notte brava per Adriano

Una serata decisamente da dimenticare per l’Imperatore. L’attaccante del Flamengo, infatti, è stato protagonista nella notte di giovedì di una festa con tanto di rissa e macchina distrutta a colpi di pietre. A scatenare tutto ciò l’ex partner del giocatore, Joana Macahado, piombata al party nella favela di Chatuba (  zona esterna a nord della capitale), dove Adriano era andato a festeggiare insieme ad una decina di compagni di squadra. La personal trainer, che il giocatore ex Inter sembra abbia ricominciato a frequentare, dopo il fidanzamento annullato circa un anno fa, ha prima distrutto l’automobile del giocatore per poi passare allo scontro fisico con l’ex fidanzato, per lo stupore di tutto il quartiere.
L’intenzione di Adriano era quella di passare una serata a ritmo di samba insieme ad amici e compagni di squadra, ma l’ira dell’ex ha sconvolto tutti i piani, trasformando rapidamente la festa. Specchietti strappati, parabrezza in frantumi e portiere ammaccate sono state il risultato della rabbia di Joana. Pochi minuti dopo l’arrivo in discoteca, infatti, Adriano e compagni sono stati sorpresi dalle urla e dal frastuono provenienti dal parcheggio di fronte la discoteca, dove la Machado ha iniziato a scagliare calci e pietre contro l’auto dell’attaccante, senza risparmiare nemmeno le vetture di altri tre suoi compagni di squadra. Secondo quanto ricostruito dal sito di Globoesporte.com, una volta entrati in contatto fuori dal locale i due sono immediatamente venuti alle mani, con l’ex fidanzata messa al tappeto da uno spintone di Adriano, la cui assenza all’allenamento del giorno successivo ha generato non poco imbarazzo nella dirigenza del Flamengo al momento di spiegarne le ragioni. “Medico e tecnico hanno deciso di tenere a riposo Adriano nei prossimi giorni per fargli realizzare del lavoro fisico specifico”, hanno dichiarato i dirigenti carioca, smentendo di fatto la versione rilasciata solo qualche istante prima dall’allenatore, Jorge Andrade, secondo il quale “la decisione di lasciare Adriano a riposo è arrivata direttamente dall’alto”.

Paolo Piccinini