Home Anticipazioni

Onda anomala colpisce nave da crociera

CONDIVIDI

Sono ormai rientrati in Italia i 127 passeggeri della nave da crociera Louis Majesty, sulla quale si è abbattuta un’onda anomala mentre la nave si trovava al largo del Golfo di Leon, in Catalogna. Due le vittime, un turista tedesco e un italiano, Giuseppe Neri.

Il Codacons ha chiesto che per tutti i passeggeri sia garantito un risarcimento per il danno da paura subito e per quello economico dovuto dalla vacanza rovinata e ha inoltre chiesto che venga verificata la sicurezza di tutte le navi da crociera che transitano in Italia.

Secondo esperti del settore è impensabile che una vetrata, seppur grande e panoramica, abbia ceduto sotto i colpi di un’onda anomala, fenomeno non comune, ma di certo non raro. Il fatt è ancora più inspiegabile considerando il fatto che l’onda, alta circa otto metri, è sì un fenomeno di grande potenza, ma non è certo tra le onde più grandi che una nave del genere dovrebbe essere in grado di affrontare, visto che esistono onde anomale anche di 25-30 metri.

Sono rientrati in Italia anche la moglie e il figlio del genovese che ha perso la vita lo scorso mercoledì. I due, dopo aver incontrato il console italiano a Barcellona, sono stati accompagnati in aeroporto dove hanno preso l’aereo che li ha riportati a Genova.

I due sono rientrati con lo stesso volo usato dagli altri passeggeri italiani, che sono arrivati all’aeroporto Cristoforo Colombo di Genova con il volo charter TY9635 della compagnia Iber World, ma sono poi stati scortati fuori dall’aeroporto attraverso uscite secondarie per evitare di parlare con i giornalisti.

“È stata un crociera tremenda – ha dichiarato un passeggero – con il mare mosso per tutto il viaggio, dalla partenza dieci giorni fa all’altro giorno. La compagnia di crociera ci ha tenuto nascosta la morte dei due passeggeri, ma l’ospitalità a Barcellona è stata buona. Sono stati ospitati in hotel coloro che avevano avuto la cabina allagata dall’acqua di mare che aveva inondato il salone di prua”.

Sebastiano Destri