Valerio Scanu: dietro le quinte mi hanno detto che avevo vinto il Festival

Oggi, a Verissimo, ospite d’eccezione il vincitore della Sessantesima edizione del Festival di Sanremo: Valerio Scanu.

Lo accolgono in studio Silvia Toffanin e i bambini di “Io Canto”, praticamente i nuovi opinionisti fissi del salotto di Mediaset. Sempre di carattere schivo ma sicuramente più aperto al dialogo rispetto a come eravamo abituati a percepirlo entro il talent “Amici” che è stato il suo trampolino di lancio.

Tutti vogliono sapere se l’uomo di tutti i luoghi di tutti i modi e di tutti i laghi sia single. Il sardo si dichiara totalmente libero da legami sentimentali per la gioia delle sue innumerevoli estimatrici.

Successivamente il cantante mostra di essere uno che non fa troppi giri di parole o convenevoli; il fattore scatenante nasce dalla domanda postagli dalla conduttrice la quale gli chiede perché molta gente lo trovi antipatico. Valerio, con gentilezza ma fermamente, le rigira la domanda ricordandole che lei stessa, in altre sedi, aveva asserito di non amare il suo atteggiamento. Coraggioso sicuramente. La Toffanin sottolinea che probabilmente Scanu generava questa impressione in quanto spesso rispondeva a monosillabi ma ora è sciolto e amabile; insomma la tensione è stata smorzata sottolineando che, durante la sua partecipazione ad Amici, era ancor più giovane e, conseguenzialmente, intimidito o inesperto.

Dopo questa prova di schiettezza il trionfatore del Festival decide di rivelare l’arcano. Come in molti avevano già fatto notare la proclamazione del vincitore non era parsa molto naturale; Valerio racconta di aver saputo della sua vittoria dietro le quinte, in compagnia degli altri due finalisti.

Ecco dunque chiarito il motivo per il quale lui solo avesse l’auricolare per cantare nonché il comportamento di Marco Mengoni, il quale, non appena è salito sul palco ha detto “Mi spiace” rivolgendosi verso il pubblico e, soprattutto verso i suoi sostenitori: sapeva già di essere il terzo classificato.

Insomma Valerio Scanu non è uno che le manda a dire. Complimenti per il coraggio.

Valeria Panzeri