Calcio, Genoa-Giampiero Gasperini: “Potevamo vincere”

Gian Piero Gasperini, al termine del noioso 0-0 contro l’Inter di Josè Mourinho, è apparso sorridente, dato che la sua squadra ha avuto una reazione d’orgoglio dopo la sconfitta contro il Bologna. “È stato un ottimo punto – ha detto l’allenatore rossoblù -: dopo aver fermato l’Inter mi chiedo come abbiamo fatto a prendere quattro gol in casa con il Bologna. Peccato per l’infortunio di Jankovic: ci siamo bruciati un cambio. Speriamo non sia niente di grave. Mal di trasferta? Ultimamente abbiamo incontrato le grandi fuori casa, mentre prima eravamo stanchi per l’Europa League. Ora ci aspettano partite alla nostra portata, dobbiamo evitare di suicidarci come abbiamo fatto col Bologna”. Il tecnico genoano ha festeggiato inoltre le 145 panchine col in Grifone, diventando così il secondo allenatore più presente: “Sono molto onorato di questo: essere dietro a un grande tecnico come Gigi Simoni è molto importante per me”. Poi analizza meglio la sfida del Meazza e si rammarica: “Fossimo stati un pò più lucidi, avremmo anche potuto vincere. L’Inter aveva tre punte in campo più Sneijder. Eravamo un pò arroccati, ma ripartivamo bene negli spazi. Peccato che, arrivati al limite dell’area, siamo stati meno lucidi e non abbiamo trovato la velocità e il guizzo giusto. Non mi sembra che l’Inter abbia avuto tantissime occasioni”. Gasperini ha poi concluso parlando della squalifica del suo collega Josè Mourinho: “La sua assenza è stata determinante”.

Andrea Bonino