Calcio, Inter-Marco Branca: “Eravamo stanchi. Punto importante”

Josè Mourinho sta scontando la seconda di tre giornate di squalifica e ha “diretto” l’Inter dalla balconata della zona executive del Meazza, a nemmeno dieci metri dalla linea laterale del campo. Praticamente dietro la panchina del suo vice Beppe Baresi. Dunque è toccato a Marco Branca venire davanti ai micorofoni e finire sotto i riflettori per analizzae il noiso 0-0 casalingo contro il Genoa: “Stasera non eravamo brillantissimi – ha detto il direttore sportivo nerazzurro -: dodici dei nostri giocatori venivano dalle rispettive nazionali e molti erano in campo, fino alla fine, con le batterie un pò scariche. E’ chiaro che non sempre si può essere al massimo e proprio per questo motivo il pari contro un Genoa organizzatissimo è un punto importante. Il pareggio tra Roma e Milan? Non guardiamo alle partite e ai risultati degli altri, ma oggi c’è una partita in meno da giocare. Balotelli? Aveva un problema fisico, i compagni gli hanno chiesto di stringere i denti e andare avanti”. Il dirigente ha poi proseguito raccontando che negli spogliatoi Diego Milito gli abbia rivelato di aver subito un fallo da rigore: “Rossi da dietro lo ha toccato, ma l’azione era molto veloce: e poi Diego ha tirato col sinistro, se non ci fosse riuscito l’arbitro forse avrebbe concesso il penalty. Pazienza, è andata così. Il gesto di stizza di Muntari? Si è già scusato: è un ragazzo d’oro. E’ semplicente la rabbia di chi vorrebbe giocare sempre, tutto qui”. Infine il dirigente ha concluso con una battuta su Galliani, che aveva detto che Roma e Milan erano il meglio che il calcio italiano potesse offrire: “Dare ragione a Galliani mi viene difficile, in generale e anche nello specifico”.

Andrea Bonino