Casamonica: trecento uomini per compiere tre arresti

Roma, 8 marzo. Mentre due settimane fa un grande blitz ha portato al sequestro beni di lusso dalle mani dei rom, in particolare alcune ville ed auto di lusso, oggi già nuova operazione dei Carabinieri è stata condotta contro il clan dei Casamonica, nella zona della periferia sud-est di Roma. Tre persone sono state fermate per estorsione, rapina e lesioni personali.

Sono stati i Carabinieri della Compagnia di Frascati ad intervenire contro la famosa famiglia di nomadi dei Casamonica, residenti a Roma in numero di più di 400. Tentativo in extremis da parte delle donne di famiglia, questa mattina, di opporre resistenza all’operazione che stava avendo luogo da parte degli uomini dell’Arma. Resistenze, peraltro, rimaste senza importanti risultati.

L’arresto è avvenuto più o meno con le stesse modalità di quello che era avvenuto lo scorso 22 febbraio. Questa mattina, prima dell’alba, un gruppo di oltre 300 militari, corredato di cani dell’Arma e di un elicottero, ha effettuato dapprima una serie di perquisizioni nella periferia sud della città.

Gli ulteriori particolari di come si sia svolto il blitz di oggi non sono stati ancora resi noti dal Comando Provinciale. Ad ogni modo, per ora si legge nel verbale redatto nella sede dell’Arma, che secondo quanto dichiarato ufficialmente dai Carabinieri i Casamonica, “forti della loro forza intimidatrice, anche con minacce a mano armata – spiegano gli investigatori – estorcevano costosi lavori e forniture di materiali di lusso per decorare le loro ville principesche, ai danni di artigiani”.

S. K.